Acque nere

Pubblicità online e un fitto passaparola. Mescolando religione, superstizione e astrologia un gruppo di “qualificati biologi e fisici” dichiarava di aver messo a punto una tecnica innovativa per “riarmonizzare la materia” attraverso le presunte “frequenze” sprigionate dalle “acque benedette“.
Naturalmente tutto falso. In realtà approfittavano dello stato di prostrazione dei malati di cancro per reclutarli attraverso corsi a pagamento come adepti della “nuova medicina“.
Inutile dire che le “acque miracolose” di Lourdes, Fatima, Medjugorje, venivano dai rubinetti di Ancona, e vendute al prezzo di 100-200 euro. Denunciate una biologa e altre 38 persone.
L’operazione coordinata dala procura del capoluogo marchigiano, è stata chiamata in codice “Acque bianche“.

Fonte: Ansa

Questa voce è stata pubblicata in Società. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Acque nere

  1. Marco scrive:

    Nel medioevo ciarlatani vendevano come rimedio per molte malattie pillole di sterco
    umano ricoperte da una patina d’oro ( falso) da lì proviene il detto indorare la pillola.
    Sono passati 1000 anni ma non mi pare sia cambiato molto! (Forse allora rischiavano la pelle).
    Esperti di lavoro che non hanno mai lavorato un giorno, economisti da monopoli, liberisti attaccati alla poltrona con la supercolla, evasori che parlano di rigore, pensionati a trentanni che vogliono togliere le pensioni !!
    In un paese come questo tutto è possibile!
    Non mi piace più………..

  2. Semplice1 scrive:

    Che gli farei!!!! Io che il tumore l’ho sperimentato sulla mia pelle, io che so che vuol dire morire, ho perso mio fratello per cancro a 43 anni…che gli farei!!!!!!!!!!
    Criminali, sciacalli, diavoli, giocano e speculano sulla fragilità e la disperazione dei malati..
    Ma Dio dov’è?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *