Addio Dan

Ieri sera è morto Dan Wheldon, un grande pilota. E’ morto in seguito ad un terrificante incidente durante la gara del Campionato Indycar a Las Vegas. Era uno dei piloti più bravi che correvano nella serie americana. Davanti alla TV ho capito immediatamente quanto sarebbe stato grave quell’incidente.

A maggio quando vinse la 500 miglia di Indianapolis, la gara più prestigiosa ed ambita per ogni pilota, pensai che fosse molto fortunato, infatti fino all’ultima curva era solo secondo, ma poi Hildebrand inspiegabilmente sbattè contro il muro a 300 metri dal traguardo e Dan vinse. Pensai che la fortuna avesse baciato e benedetto la sua bravura, del resto la mitica 500 miglia l’aveva già vinta nel 2005. Ora mi pento persino di aver pensato una cosa simile. E’ evidente che c’è un destino che regola la nostra vita e gli eventi che ne susseguono, lui ieri non avrebbe dovuto neppure correre, salvo poi trovare una macchina ed una squadra proprio in extremis.

Per incontrare la morte.

Il suo sorriso, la sua allegria, la sua bravura, mancheranno a tutti.

Lascia la moglie Suzie e due piccoli bambini.

Addio grande Dan

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Sport e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Addio Dan

  1. espress451 scrive:

    I fili, la trama, il “Tessitore”… Coincidenze, ritorni, snodi…
    E riflessioni di “quegli esseri a due gambe”, come diceva Gozzano, che siamo noi umani.
    A presto, Es.

  2. Raffaele scrive:

    Come hai detto tu cara Ester, misteri che fanno riflettere quegli esseri a due gambe che siamo noi, piccoli ed impotenti ogni qualvolta ci misuriamo con questi eventi.
    Grazie, ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *