Assange

Si è costituito. Quando hai tutti i governi del mondo contro, hai poche scelte.     L’ hanno arrestato con l’ accusa di stupro, ma a questo non crede nessuno. Ha divulgato informazioni riservate, ma in Svezia non costituisce reato, così hanno optato per lo stupro. ”Senza paura” nel rivelare fatti di pubblico interesse. E’ questa la missione del sito Wikileaks, secondo il suo fondatore Julian Assange, che in un editoriale per il quotidiano The Australian pubblicato a poche ore dal suo arresto, sottolinea come le rivelazioni dei file segreti ”non hanno danneggiato nessuna singola persona, come tutti possono notare”.
Secondo Assange, il Dipartimento di Stato americano ha messo in piedi ”un coro di falsità”’ sostenendo che Wikileaks metteva a repentaglio la sicurezza nazionale e quella delle truppe impegnate all’estero.
Assange ha inoltre negato di essere un pacifista. ”Ma non c’e’ niente di piu’ sbagliato di un governo che mente al suo popolo sulla guerra e poi chiede agli stessi cittadini di offrire le proprie vite e le proprie tasse a sostegno di quelle bugie”, ha scritto il fondatore di Wikileaks, ricordando la sentenza della Corte Suprema americana del 1971 che riconobbe il diritto dei quotidiani a pubblicare i ”Pentagon Papers”, documenti segreti sulla guerra in Vietnam. La libertà d’ informazione bisogna esercitarla come ha fatto  il TG5, qualche giorno fa, due servizi su Laura Biagiotti e Bulgari, consigli per gli acquisti di Natale e pubblicità neppure occulta nel bel mezzo del Telegiornale, tanto i telespettatori cosa altro vogliono sentire ?

Questa voce è stata pubblicata in Giustizia, Politica, Società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Assange

  1. Bibi scrive:

    Non poteva essere diversamente. E non si può neanche criticare tanto il comportamento degli Usa..noi siamo il paese delle 14 stragi senza colpevoli..e tutte con “omissis” di Stato e quel coglione di Schifani se ne accorge solo ora..quando sta andando a casa.
    Negli ultimi 14 anni non se ne era accorto…e se c’era dormiva..magari insieme a qualche ragazzina come il nano di arcore..(cazzo…ma si può scrivere nano di arcore..od è un reato di lesa maestà?).
    a.y.s. Bibi
    P.S. io credo che sarà più semplice sapere chi ha ucciso Kennedy che sapere il mandante dell’attentato di piazza Fontana.

  2. loretta dalola scrive:

    La libertà di stampa è una delle garanzie che un governo democratico, assieme agli organi di informazione deve garantire ai suoi cittadini e basta, non ci devono essere ma o se.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *