Auto blu? No, d’oro.

Siamo un Paese meraviglioso, un’ auto blu non la neghiamo proprio a nessuno, difatti godiamo della leadership mondiale nella classifica stilata da consumatori.it. Perché muoversi con la stessa fatica di un cittadino italiano standard quando ci si può spostare con un auto blu? Conteggiando sia quelle proprie che quelle in leasing, in noleggio operativo e noleggio a lungo termine, presso lo Stato, Regioni, Province, Comuni, Municipalità, Asl, Comunità montane, Enti pubblici, Enti pubblici non economici, Società misto pubblico-private e Società per azioni a totale partecipazione pubblica,  nel corso dell’ultimo anno, in Italia, il parco delle auto blu in dotazione della pubblica amministrazione è cresciuto del 3,1% passando da 607.918 a 626.760 unità.  In concreto abbiamo 1 auto blu ogni 100 abitanti. Nella classifica dei paesi che utilizzano le “auto blu” primeggia l’Italia con 626.760 seguita dagli USA con 72.000, Francia con 61.000, Regno Unito con 55.000, Germania con 54.000, Turchia con 51.000, Spagna con 42.000, Giappone, con 30.000, Grecia con 29.000 e Portogallo con 22.000. “Tagliare la spesa pubblica si può senza effettuare alcuna macelleria sociale – afferma Vittorio Carlomagno, presidente Contribuenti.it, Associazione Contribuenti Italiani – Basta solo applicare le leggi vigenti anche alla Casta. Gli amministratori pubblici, in Italia, hanno superato ogni limite Basterebbe pubblicare sul sito internet il nome degli utilizzatori e tassarli come fringe benefit per ridurre drasticamente il parco auto della pubblica amministrazione”. Se poi consideriamo che ad ogni Auto Blu corrispondono 1 o 2 autisti, è facile calcolare il n° di “dipendenti”  al servizio di tutte queste nostre personalità. Il costo annuale a carico degli italiani ?  Circa 18 Miliardi di €, pari ad una finanziaria. Poi quando si deve tagliare per risparmiare, si taglia nella Sanità, nei Trasporti, nella Scuola, nelle Pensioni. Come vengono utilizzate queste auto Blu ? Le Iene ci fanno vedere un esempio.

Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *