Cartolina da un Paese incivile

Rossana Podestà compagna di una vita di Walter Bonatti, il famoso sportivo e alpinista morto di tumore qualche giorno fa, racconta di essere stata allontanata dalla stanza di ospedale nella quale giaceva il compagno con questa frase: “Tanto lei non e’ la moglie”.
E lei: “Non ce n’è mai fregato niente di sposarci, era altro quello che ci ha uniti”.
Chapeau
Ma e’ mai possibile che nel 2011 possano ancora avvenire queste cose nel nostro Paese?

Questa voce è stata pubblicata in Società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Cartolina da un Paese incivile

  1. loretta dalola scrive:

    la mamma dei cretini è sempre incinta…ciao

  2. isabella scrive:

    Non ci posso credere, é mai possibile che ci siano ancora pregiudizi del genere in circolazione? Questi comportamenti mi urtano moltissimo, penso al turbamento che invade il cuore di chi riceve tali frasi buttate lì senza pensare alle ferite che possono lasciare, non sono persone degne di svolgere le mansioni per cui vengono pagate, io le lascerei a casa a meditare per un po’ sulle loro malefatte, ovviamente senza stipendio…
    Ciao.

  3. Raffaele scrive:

    @isabella
    Purtroppo esistono eccome. Certi ignobili comportamenti dovrebbero far riflettere tutta la società civile ma questo non avviene, nessuno si sofferma più di tanto quando viene ferito l’animo di una persona anzichè il fisico. Il nostro Paese poi è tragicamente intriso di falso moralismo cattolico. Due persone convivono, magari perchè divorziate e diventano lo scandalo. Preti pedofili commettono crimini ai danni di bambini, vengono coperti dalle autorità ecclesiastiche ed al massimo quando lo si scopre, leggiamo un piccolo trafiletto su un giornale.
    Ciao

  4. isabella scrive:

    Non tocchiamo questo tasto… che sclero!
    Ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *