Comunicato

Onorevole Presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi,
in questi giorni, in queste ore, il Parlamento della Repubblica Italiana è impegnato in una corsa contro il tempo per una più che rapida approvazione del disegno di legge firmato dall’Onorevole Ministro della Giustizia Angelino Alfano e noto come “ddl intercettazioni”.
Il provvedimento rappresenta una delle più drastiche limitazioni al potere d’indagine che compete ai magistrati inquirenti del nostro paese e, al contempo, la più dura, feroce e devastante limitazione al diritto costituzionale di informazione; il diritto di farla e il diritto di riceverla.
Il progetto di legge, per mezzo dei suoi punti fondanti, impedisce il racconto giornalistico su fatti giudiziari di pubblico dominio e privi di segreto, stabilisce pene detentive e pecuniarie pesantissime verso chiunque osi divulgare verità giudiziarie, introduce nuovi obblighi di rettifica per i blog minandone la sopravvivenza, trasforma in crimine il diritto dei cittadini vittime di crimini di raccogliere prove audio e video a dimostrazione del reato e stabilisce odiose discriminazioni tra forme di giornalismo, all’interno di una drammatica limitazione del diritto ad effettuare inchieste giornalistiche.
Il diritto all’informazione nelle sue forme più elementari, il principio di legalità e la ricerca della giustizia vengono totalmente smantellati da tale provvedimento.
Pertanto questo sito internet dichiara sin da adesso che, per imprescindibili motivi etici e in ragione della difesa del diritto alla libertà di parola e di stampa, solennemente sancito dalla Costituzione italiana e dalle leggi vigenti, in caso di approvazione in via definitiva e di conversione in legge, non potrà attenersi in alcun modo alle norme che compongono il disegno di legge sulle intercettazioni.

Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Comunicato

  1. Donato scrive:

    Bravo. Ben scritto! Condivido la tua presa di posizione. Spero che nella rete ci sia una condivisione totale a contrastare questo disegno di legge. Purtroppo è l’ennesima dimostrazione di quanto i nostri politicanti hanno a cuore solo i loro personali interessi e mai, dico mai, quelli di noi cittadini.

  2. loretta scrive:

    Mi sembra di aver notato dal tono dei tuoi ultimi articoli che il tuo livello di frustrante sopportazione abbia raggiunto l’apice…credo purtroppo che ci vorrà ancora tempo perchè la tua reazione abbia un seguito. Gli italiani si sono abituati a brontolare, brontolare ma a farsela andare bene ugualmente…finchè non giungerà il giorno che quello che sembrava solo “opinione dell’opposizione” diventerà una grande realtà. E sbattere la testa poi fa male…storia dimostra!

  3. Raffaele scrive:

    Cara Loretta, di una cosa sola sono certo ed è che questa deriva morale e istituzionale che sta investendo l’Italia per effetto dell’azione dei “legittimi rappresentanti” del popolo in Parlamento, non potrà essere contrastata in nessun modo dagli italiani, per la cui maggioranza gli interessi ed i valori importanti sono alquanto diversi da quelli nei quali credo io. In effetti vivrei meglio se pensassi solo al cibo da mettere in tavola, alla partita di calcio ed ai commenti piccanti sulle donne da scambiare con gli amici. Molti che conosco con questi valori, non vengono presi dallo sconforto e dalla frustrazione, perchè i loro occhi vedono solo altre cose….
    Chiedo scusa a tutti i lettori del blog se sovente in quello che pubblico, traspare una certa irosità, non vorrei, ma poi ogni tanto non riesco a trattenerla.

  4. loretta scrive:

    Ed è questa tua differenza che ti distingue dalla massa – ogni tanto anch’io mi auspico una bella lobotomia…staccare il cervello e smettere di pensare, ma alla fine anche se difficile meglio convivere con un cervello funzionante che sopravvivere con i valori degli uomini da te descritti –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *