Dippold l’ottico

Che cosa vedi adesso?
Globi rossi, gialli, viola.
Un momento! E adesso?
Mio padre, mia madre e le mie sorelle.
Sì! E adesso?
Cavalieri in armi, belle donne, volti gentili.
Prova queste.
Un campo di grano – una città.
Molto bene! E adesso?
Molte donne con occhi chiari e labbra aperte.
Prova queste.
Solo una coppa su un tavolo.
Oh, capisco! Prova queste lenti!
Solo uno spazio aperto – non vedo niente in particolare.
Bene, adesso!
Pini, un lago, un cielo estivo.
Così va meglio. E adesso?
Un libro.
Leggimene una pagina.
Non posso. I miei occhi sono trascinati oltre la pagina.
Prova queste.
Profondità d’aria.
Eccellente! E adesso?
Luce, solo luce che trasforma tutto il mondo in un giocattolo.
Molto bene, faremo gli occhiali così.

(Edgar Lee Masters da Antologia di Spoon River)

Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Pensieri e riflessioni. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Dippold l’ottico

  1. Marco scrive:

    Molto bello!
    ciao

  2. Monica scrive:

    Devono essere in molti oggi a possedere questi occhiali che trasformano il mondo in un giocattolo…
    Ciao, buona giornata!

  3. loretta dalola scrive:

    li vorrei anch’io – sono miope e un po’ di luce mi farebbe bene – ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *