E tu cosa stavi facendo?

I ricordi nella nostra mente con il tempo svaniscono, ma quelli importanti vi rimangono incollati come foto su un album. Ricordo perfettamente dov’ero e cosa stavo facendo
l’11 settembre 2001, ricordo come appresi la notizia, le facce di chi mi stava intorno, le telefonate, tutto perfettamente come fosse oggi. Ma sono trascorsi 10 anni.
Mi trovavo a casa del mio amico Diego per installargli un modem e fargli vedere come funzionava Internet. A quel tempo nelle nostre zone non c’era ancora l’ADSL e la connessione analogica 56k era lo standard.
Ricordo che ci collegammo al sito della CNN perchè le pagine dei principali siti italiani di informazione non si aprivano e non capivo se c’era un problema sulla connessione, che era particolarmente lenta.
Quando l’home page ci restituì le immagini delle torri gemelle in fiamme e la scritta America sotto attacco a caratteri cubitali, pensai ad uno scherzo, un errore nel sito, un attacco di hacker e per alcuni minuti non credetti a ciò che vedevo. Poi Diego chiamò i genitori e loro accesero la TV. In quel momento fummo consapevoli dell’angoscia profonda e tangibile che si era impadronita di noi.
L’improvvisa paura del futuro e la consapevolezza che tutto sarebbe cambiato e che nulla sarebbe stato più come prima, quella sensazione di gelo ed impotenza che credo sia stata il comune denominatore di tutti. Poi una lunga maratona davanti alla TV, lunghe telefonate tra amici e tanta rabbia.

Questa voce è stata pubblicata in Società e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a E tu cosa stavi facendo?

  1. anch’io ricordo tutto come fosse ieri, ero a teatro e aspettavo iniziasse la prova quando arrivò il maestro accompagnatore che annunciò :”E’ scoppiata la guerra” e ci raccontò cosa era accaduto, poi si sedette al pianoforte e cominciammo la prova come se il mondo non esistesse e la cosa non ci riguardasse ma dentro di noi c’era già l’ansia di un futuro che è precipitato all’nferno.
    The show must go on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *