Giornata Mondiale dell’Ambiente :-(((

La Giornata Mondiale per l’Ambiente, che si celebra ogni anno il 5 giugno, è uno dei principali strumenti attraverso cui le Nazioni Unite sensibilizzano l’opinione pubblica sulla questione ambientale a livello mondiale e favoriscono l’azione e l’attenzione del mondo politico. Purtroppo l’edizione 2010 del World Environment Day cade in un momento particolarmente funesto per via del colossale disastro ambientale provocato dalla BP nel Golfo del Messico e di cui non si vede ancora la fine. L’esplosione della piattaforma Deepwater Horizon, a livello ambientale, ha infatti generato una vera e propria catastrofe, contaminando con la sua marea nera l’ecosistema del Golfo del Messico per decine di anni ed invadendo altresì le coste della Louisiana. Flora e fauna si sono completamente accasciate su se stesse ed un intero sistema economico che dava sostentamento a varie comunità di pescatori e artigiani è sostanzialmente sparito.Ad oggi, dopo vari tentativi, nessuno è ancora riuscito a chiudere la falla e il prossimo Stato U.S.A. minacciato pare essere la Florida.
Il “World Enviroment Day” sembra voler, ma forse sarebbe meglio dire dover, celebrare anche i mali che affliggono la natura terrestre oltre che le speranza per un futuro per lei migliore, un futuro del quale solo l’uomo potrà decidere la direzione, con la sua intelligenza o con la sua scelleratezza. Sarà il Ruanda quest’anno ad ospitare la Manifestazione

Questa voce è stata pubblicata in Ambiente e Natura, Società e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Giornata Mondiale dell’Ambiente :-(((

  1. loretta scrive:

    Per quanto riguarda la marea nera pare che gli ultimi tentativi comincino a dare esiti positivi e che si riesca a fermare questo immane disastro, l’importante rimanere con i riflettori puntati e continuare a diffondere l’allarmante informazione altrimenti come d’abitudine il potere economico inabissa tutto – meglio continuare a parlarne per riuscire a far affiorare non solo il petrolio da tutta questa vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *