I generali magnano, le truppe se menano…

Ho sempre pensato che le parole hanno un peso, di solito portano in sè anche delle conseguenze. Non si può dire delle cose gravi e poi cancellarle immediatamente chiedendo scusa. Anche le scuse hanno un peso, quando vengono ripetute troppo spesso, perdono valore. Ma si sa che che alcune persone possono permettersi di dire qualunque cosa, salvo poi smentire o scusarsi il giorno dopo. Così, un potenziale grave incidente politico diplomatico, (per chi non lo avesse capito mi riferisco alle affermazione del Ministro Bossi sul significato di S.P.Q.R. e su Roma ladrona) si è ridimensionato immediatamente grazie all’iniziativa congiunta del sindaco di Roma e dei vertici della Lega. Per far vedere che nella maggioranza di governo vanno d’accordo e si vogliono bene, hanno organizzato una bella tavolata, a base di polenta e pajata. Ma tra i cittadini di Roma ed i seguaci del Senatur, il peso delle parole dette è stato più difficile da digerire, così mentre i generali magnavano a quattro ganasce, le truppe cammellate poco distanti se ne dicevano di tutti i colori. “Ce piaceno li polli, l’abbacchi e le galline, perchè so senza spine, nun so come er baccalà. La società dei magnaccioni, la società de la gioventù, a noi ce piace da magna’ e beve, e nun ce piace de lavora’.”

Questa voce è stata pubblicata in Politica, Società e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a I generali magnano, le truppe se menano…

  1. Shara scrive:

    purtroppo l’intelligenza non è nè dei generali nè delle truppe.
    Sono anni che ci inculcano nel cervello la lotta tra italiani, il nord si sente migliore del sud e il sud si sente migliore del nord…l’Italia è fatta, ma vale ancora la frase di D’azeglio “abbiamo fatto l’Italia, si tratta adesso di fare gli Italiani”.
    Vorrei ricordare a tutti un fondamento bellissimo, nato dalle menti delle persone più vere che morirono per unire il nostro Paese e renderlo libero e pacifico
    “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

    La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”

  2. Raffaele scrive:

    Parole sante, Shara, le condivido pienamente, purtroppo il popolo sovrano mi sembra leggermente attonito e stupefatto ultimamente…. Grazie x il tuo contributo.

  3. loretta scrive:

    EEHHH purtroppo la mamma dei cretini è sempre incinta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *