Il botto

Azzardo una previsione, il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, vincerà le prossime elezioni.
È farà un botto che se lo ricorderanno tutti.
Soprattutto i partiti politici, perché dal 25 febbraio, nulla sarà più come prima.
Ieri a Cuneo, piazza Virgilio era gremita da oltre 4 mila persone per il comizio di Grillo, una cosa mai vista.
Qualche tempo fa la visita di Bersani a Cuneo fu quasi imbarazzante.
Ad attenderlo nella piazzetta di fronte al municipio, solo una decina di pensionati, così il comizio previsto fu sostituito da una passeggiata sotto i portici.
Le folle che oggi gremiscono le piazze per il M5S, ricordano la primavera araba.
Come in nord-Africa, il cambiamento sta avvenendo attraverso la rete e le piazze.
Mentre loro, i politici, pensano che tutti siano ancora attaccati al tubo catodico a guardare i loro tristi siparietti, uno spettacolo indecente che si ripropone tale e quale da un paio di decenni.
Continuano a dire che è facile creare consenso con l’antipolitica.
Forse, ancora in tanti, preferiscono credere alle favole.
Sarà un risultato scomodo per tutti i professionisti della politica.
L’inciucio, l’accordo sottobanco, saranno sempre più difficili da attuare.
L’epurazione è già iniziata. Sara’ un processo complesso e graduale, ma inesorabile.
A breve, in molti, si sveglieranno da un lungo sonno, d’improvviso, a secchiate d’acqua gelida sul volto.

Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e riflessioni, Politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Il botto

  1. Marisa M. scrive:

    Io non sarei mai andata in piazza a vedere Grillo comico, figurati se ci andrei ad assistere a un suo comizio pre-elettorale. Anzi, più lo vedo in tv e più mi rendo conto che i suoi comizi non sono altro che i soliti spettacoli di protesta (quelli dell’ultimo Grillo, per intenderci) . Sempre spettacoli sono e credo che in fondo la gente voglia questo.
    Non credo vincerà, comunque. Non lo voterò di certo ma, nel caso vincesse, sarei molto curiosa di vedere cosa farà, perché tra il dire e il fare …

    Ciao, Raffaele. Buona domenica.

  2. Monica scrive:

    Più che una previsione sembra una minaccia! E spero proprio che non si avveri!
    Grillo porta solo rabbia, non idee o competenze e adesso non abbiamo proprio bisogno di saltimbanchi e buffoni di corte!

  3. Raffaele scrive:

    @ Marisa
    Cara Marisa, i segnali che giungono dalle piazze sono sempre indicatori di uno stato d’animo che non va trascurato. Ormai Grillo lo si conosce da anni, per cui non credo che le folle si scomodino per una battuta o per una risata. Ma chi non l’ha ancora capito probabilmente ne pagherà le conseguenze politiche.
    Ciao, un abbraccio
    @Monica
    Sinceramente non credo che la salvezza del Paese passi attraverso le ricette di quei partiti che l’hanno portato al disastro. Secondo me occorre che la politica italiana cambi registro e questo può avvenire solo dopo un grande evento elettorale che mandi a casa chi ha fatto della politica un mestiere e che immetta idee nuove e facce pulite e non sottomesse ad interessi di bottega.
    Grazie, ciao

  4. Marco scrive:

    Purtroppo la primavera araba ha peggiorato la vita in quei paesi.
    Speriamo per noi sia diverso!

  5. lorettadalola scrive:

    Sulla vittoria di Grillo nutro qualche perplessità, anche se parte della mia coscienza ne sarebbe felice, mentre l’altra, dilaniata dal dubbio del dopo, tremerebbe all’idea di essere in mano a chi non ha le idee chiare di cosa farsene di tutta questa giusta protesta – insomma sono ancora indecisa e sinceramente ho ancora il voto sospeso! – e il momento dell mia presa di responsabilità, si avvicina…bbbrrrr – ciao

  6. espress451 scrive:

    Ciò che non torna è il suo sottrarsi a chi gli vuol porre domande. E sottrarre dal movimento chi pone un qualche dubbio/dissenso. E su Casaleggio sempre tanto mistero…
    A presto, Es.

  7. Raffaele scrive:

    @Marco
    Il contesto sociale però è diverso, quindi non è detto che staremmo peggio.
    @Loretta
    Hai dubbi xchè conosci i candidati del M5S? Io credo che ognuno di loro, potrà pagare in inesperienza politica ma sicuramente come cultura o preparazione professionale sarà migliore del 90% degli attuali parlamentari. Come ci si può fidare di chi, avendo potuto, non ha mai fatto nulla e ci ha portato quasi al fallimento?
    @Ester
    Io sono convinto che lui si sottrae a dibattiti e risposte in quanto è consapevole di avere grandi limiti culturali e di preparazione specifica. Non è un esperto della chiacchiera propositiva che i professionisti della politica sfoderano quotidianamente nei salotti televisivi, quindi sa che andrebbe incontro a gaffe o verrebbe messo in difficoltà, per questo li evita. Ma non sarà lui a dirigere il Paese, per cui questi dubbi, pur se legittimi, incidono poco sulla sostanza del dopo voto. Chi vota M5S auspica in primis che i politici di professione se ne vadano tutti a casa, secondo che i soldi destinati a loro ed ai partiti, vengano quasi azzerati. Auspicio anche mio
    Un abbraccio, ciao

  8. Quarchedundepegi scrive:

    Credo che Beppe Grillo dica quello che la gente desidera dire da tanto tempo.
    La gente però non può dirlo a nessuno perché non sarebbe ascoltata. L’urlo di Beppe Grillo viene ascoltato. Vedremo se sarà un danno o l’inizio di una rinascita con politicanti onesti e seri.
    Fra una settimana lo sapremo.
    Io ho già votato.
    Ciao

  9. Raffaele scrive:

    @Dottore
    In effetti le mie considerazioni sono frutto di quanto sento o vedo in giro. La gente non crede più in questa classe politica, in queste persone che si spacciano per nuove pure quando sono trent’anni che sguazzano nel sistema. Siccome nessuno crede più nei miracoli, mi sembra ci sia più voglia di punire i responsabili che desiderio di credere ancora nelle solite promesse che di certo non porteranno nuovamente a nulla. Se ci troviamo in questa situazione, non credo sia colpa solo di Berlusconi, ma di quanti hanno fatto ben poco per far sentire voci fuori dal coro, anzi…….
    Ciao e grazie

  10. Quarchedundepegi scrive:

    Intanto, qualunque cosa facciano, dato che desiderano fare, sarà difficile che facciano peggio degli ultimi e degli ultimissimi.
    Ciao.

  11. Patrizia scrive:

    Io ho seguito spesso Beppe Grillo, prima come comico nei suoi spettacoli ed ora come portavoce di un malcontento comune. Devo dire però che negli ultimi anni, in entrambi i casi, ho riso ben poco, se non di un riso amaro e consapevole delle tristi verità che diceva sul nostro paese. Oggi preferisco sostenere un “buffone di corte” piuttosto che un manipolo di LADRI!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *