Il buon esempio

A fronte dei numerosi investimenti sulle strisce pedonali che si verificano ogni anno nella mia città. mi sono spesso domandato perchè mai i vigili urbani non reprimessero tale fenomeno, con maggiori controlli. Oggi forse l’ho capito. Stavo per attraversare la strada, sulle strisce pedonali, proprio di fronte al Municipio. Non manco mai di essere prudente in simili circostanze nonostante goda ancora di ottimi riflessi ma, quando vedo che la macchina sopraggiungente è quella dei vigili urbani mi dico: “ora si ferma e mi fa attraversare”. Non è andata così. Io però per fortuna ero fermo, ma non ho potuto trattenere un gesto di riprovazione e loro se ne sono accorti. Si sono fermati, mi han chiesto cosa volessi, io ho fatto notare loro che ero sulle strisce e che il codice della strada impone agli automobilisti l’ arresto, specialmente se sono vigili urbani. Loro hanno bofonchiato qualcosa, io ho avuto la netta sensazione che se avessero potuto farmi o contestarmi qualcosa lo avrebbero fatto molto volentieri, tanto era manifesto il loro disappunto. Poi sono ripartiti ed io ho attraversato la strada.

Questa voce è stata pubblicata in Società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Il buon esempio

  1. loretta scrive:

    OOOHHH che tristezza e pensare che io sono una che si ferma davanti alle strisce pedonali, non mi dire che visto l’esempio ora devo abbattere tutti i “birilli” che incontrerò sulla mia strada…

  2. Raffaele scrive:

    Fai la spiritosa….. non ci credo che ti fermi apposta, magari solo quando si guasta la macchina… 😀 😀 Ciaooo

  3. Zacforever scrive:

    In QUALSIASI altro paese europeo, arrestano i vigili all’unisono.

    Leggendo di strisce pedonali, mi son ricordato che il colore che si usa, e’ uno dei fattori determinanti per definire un paese “evoluto” o “terzomondista”.
    Nei paesi del G20 si utilizza biossido di Zinco, più costoso e meno nocivo, in quelli affamati si utilizza il biossido di Piombo, meno costoso e cancerogeno.

    Ciao,
    Zac

  4. Raffaele scrive:

    @Zac
    Grazie, ciao

  5. caro Raffaele io ti ho risposto sul mio blog… ;o)

  6. speradisole scrive:

    Non ti conoscevo finchè non ti sei fatto vivo da me. Ti ringrazio e sono contenta di scoprire, tra l’altro, anche tanti amici.
    Verrò a trovarti anch’io, perchè mi piace anche ciò che scrivi.
    Un abbraccio, ciao.

  7. Enrico scrive:

    Ma una bella foto della targa della macchina da mandare al comandante dei vigili o meglio sarebbe stato un video con le tue enormi risorse tecnologiche noo! Anche se oggi dovremmo camminare con una telecamera stile Uomo da sei milioni di dollari, chi se lo ricorda? Ciao Raf.

  8. Raffaele scrive:

    Enrico, una volta ho fotografato la macchina dei vigili in divieto di sosta mentre i vilgili multavano le auto per l’appunto in divieto di sosta. Allora mi sono rivolto a loro ed ho chiesto di multare prima se stessi. Mi han guardato come fossi un marziano… poi non ti dico… te lo racconto apoi a voce… ciao e grazie

  9. Giuliano scrive:

    …per chi ha il coraggio di farlo: mentre passa l’auto, sferrare un bel calcione alla portiera ed accasciarsi subito a terra urlando contro gli “investitori”….far intervenire ambulanza, carabinieri, giornali, televisione, mondovisione ecc… sicuramente l'”abuso di potere” dei vigili va a farsi fottere…. salut……

  10. Raffaele scrive:

    @ speradisole
    grazie, il piacere è condiviso.

  11. Pingback: Hobby pericolosi | Il Blog di Raffaele Cozzolino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *