Il mio 25 Aprile

Ero un fumatore incallito, ma oggi sono sette anni che non tocco una bionda.

Quel 25 Aprile del 2006 decisi che sarebbe stato un giorno diverso, un giorno particolarmente importante anche per me, così mi liberai per sempre da quella dipendenza, dalla mia droga.

In quei giorni l’autostima personale era ai minimi termini e la decisione che presi la sera prima a mezzanotte mentre fumavo l’ultima sigaretta, mi appariva come un ottomila da scalare in scarpe da ginnastica.

La notte, nel sonno, fumavo una Marlboro dietro l’altra, senza soluzione di continuità ed al mattino, se non fosse stato il giorno della Liberazione, mi sarei certamente rimangiato la decisione presa.

Ma il significato storico, grande, di questo giorno, mi aiutò e servì allo scopo, così smisi di fumare, senza aiuti, solo con la volontà.

Da allora ogni qualvolta mi accorgo di sentirmi “schiavo” di un’abitudine, di un vizio, lo interrompo immediatamente.

E provo un senso di libertà.

Ecco, per me negli ultimi anni il 25 Aprile ha significato anche questo e se qualcuno penserà che sono poco patriota, poco importa, va bene così.

Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e riflessioni. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Il mio 25 Aprile

  1. Francesco scrive:

    Io è da Gennaio 2013 che non fumo più… E non ho rimpianti.
    Il trucco è non provarne mai nessuna !!!

  2. loretta dalola scrive:

    all’età di ventanni volli anch’iaggiungere una scelta importante,alle altre già fatte; fumo , alcool o droghe, non ricordo la data, ma decisi di non bere più caffé, rinunciando così a qualsiasi forma di dipendenza mentale anche quella lieve della bevanda del fine pasto – ho improntato la mia vita sulla LIBERTa’ di scelta senza nessuna forma di servitù, e la mia autostima ne ha ben risentito – condivido il tuo traguardo e la gioia “patriottica” nei confronti del tuo corpo! – ciao e buon anniversario

  3. Raffaele scrive:

    @Francesco
    Bravo, ciao
    @Loretta
    Grazie, un bacione anche a te
    Ciao

  4. espress451 scrive:

    Il tuo post, caro Raf, sembra una postilla alle pagine sveviane sul fumo ne “La coscienza di Zeno”.
    Un abbraccio, Es.

  5. silvia scrive:

    Raff… so good !
    My compliments
    Kiss Silvia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *