Il rogo di Calderoli

Ho sempre pensato che chi attenta alla salute delle persone alterando il cibo o mettendo in vendita alimenti contraffatti, scaduti, adulterati, solo per fare più profitti, sia un criminale, da sbattere dentro e buttare via la chiave. E sapevo che ci fosse una legge che puniva appunto chi commette questi reati. Poi è arrivato il Grande Semplificatore, il leghista già famoso per aver scritto la legge “porcata”, che nel rogo delle 375.000 leggi a suo giudizio inutili, ha bruciato pure la legge 263 del 1962, che puniva le sofisticazioni alimentari dannose alla salute. E così i processi già in corso sulle mozzarelle blu, sul pesce adulterato sono stati sospesi. Il primo caso a beneficiare della abrogazione della legge ha visto una assoluzione piena dell’imputato, il gestore di un ristorante e si è verificato lo scorso 21 dicembre in un tribunale dell’Italia del Sud. Il suo avvocato ha sollevato la questione e il giudice lo ha assolto “perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato”.  Questa non è una depenalizzazione: è un’abrogazione vera e propria. Vuol dire che certi comportamenti da ora in avanti diventano leciti. Quindi potremmo ritrovarci a comprare olio, vino, mozzarelle, conserve e altro, contraffatti, con possibili parassiti, coloranti cancerogeni, e anche alimenti scaduti e riconfezionati. Il tutto lo pagheremo d’ora innanzi non solo più in Euro, ma anche in salute o forse se ci va male, con la vita.

Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Il rogo di Calderoli

  1. loretta scrive:

    Questa mi era sfuggita – basta, ho voglia di rifugiarmi nella mia ignoranza e venirti a trovare nella baita sperduta…

  2. sono veramente avvilita!!!!

  3. speradisole scrive:

    Non solo a Loretta era sfuggita, ma anche a me e credo a tanti cittadini. L’unica colpa chei è stada data a questo rogo, per quanto possa ricordare, era il fatto che era stato cancellato il reato di Maroni, che aveva addentato il polpaccio al poliziotto.
    Comunque le conseguenze della cancellazione della legge 263/62 sono gravissime. Si spera solo che dopo il 1962 siano state fatte leggi al riguardo per la tutela dei cibi e della salute cei cittadini.
    Se ciò non fosse avvenuto, bisognerebbe denunciare Calderoli per “attentato alla salute pubblica”.
    Grazie Raffaele, l’informazione è utile e dimostra come gli agguati di questa maggioranza siano sempre vivi e pericolosi, oltrechè inutilmente spettacolari
    Ciao Raffaele, un abbraccio.

  4. Graziella scrive:

    E’ vero, l’ ho letto anche io qui :
    http://www.repubblica.it/cronaca/2011/01/15/news/la_taglialeggi_cancella_la_legge_che_punisce_le_adulterazioni_alimentari-11262073/?ref=HRER2-1
    E’ semplicemente una cosa scandalosa, dimostra anche il fatto che certe persone per far parlare di sè, commettono stupidaggini a danno della collettività.

  5. Raffaele scrive:

    Care amiche, grazie mille per il contributo e l’affetto che mi mostrate, siete stupende. Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *