Imei Blacklist

La legge di Murphy, adattata dal sottoscritto all’argomento trattato, dice che se perdi il cellulare, la possibilità di ritrovarlo sarà inversamente proporzionale al numero di cellulari che hai trovato in passato e restituito al legittimo proprietario. In sostanza, a me, doveva andare proprio così, visto che mediamente trovo e restituisco 5 o 6 cellulari all’anno, tutti smarriti o dimenticati sul treno. Così, quando ho perso il mio N95, la speranza di riaverlo si è esaurita nel breve volgere di una chiamata, quella fatta al mio cellulare, quando il messaggio “l’ ultente desiderato non è al momento disponibile o non raggiungibile”, mi ha fatto capire senza ombra di dubbio, che era già stato riciclato nel nuovo cellulare di qualcun’ altro. Al di là di tutto, avrei pagato per riavere almeno la scheda di memoria con foto e filmati personali impossibili da riprodurre. Ma è andata così, ed allora mi sono detto: lo blocco, non gli dò la soddisfazione di usarlo, tanto ho il n° IMEI e lo faccio inserire nella Blacklist. Così dopo aver fatto regolare denuncia, mi documento sulle procedure per il blocco, operazione ora possibile in Italia (ci sono voluti 13 anni affinchè tutti e 4 gli operatori di telefonia mobile si mettessero d’accordo per utilizzare la medesima procedura e blacklist). Ma subito mi sorge un dubbio: siccome al momento dello smarrimento, nel suo interno non vi era una sim di uno dei 4 principali operatori, che condividono tra loro la “Imei Blacklist Italiana”, vuoi vedere che nessuno di loro me lo inserirà nella blacklist? A pensar male si fa peccato, ma sovente ci si azzecca, difatti è andata proprio così, nessuno dei 4 ha potuto, o voluto farlo, adducendo come motivazione, che la procedura richiede l’inserimento del numero di SIM. A nulla è valso spiegare che desideravo bloccare l’apparato, cioè il telefono e non la Sim, niente da fare. Poi mi è venuta in mente la Nokia, una volta ho portato il telefono per una piccola riparazione ed ho notato che registravano il codice IMEI in un database, con tanto di nome e cognome. Allora mi sono recato proprio da loro, che gentilissimi hanno registrato la denuncia ed inserito il cellulare nella loro Blacklist, capitasse che lo portano in riparazione, mi avviseranno dopo averlo trattenuto. Grazie Nokia.

Questa voce è stata pubblicata in Informatica e Tecnologia, Società e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *