Indifferenza

Immagini trasmesse dal TG, riprese da una telecamera alla stazione di Roma. si vedono un uomo ed una donna discutere mentre camminano. All’ improvviso l’ uomo, un ragazzo italiano di 20 anni, colpisce con 2 pugni al volto la donna, che stramazza a terra, raccoglie delle cose da terra e se ne va. La gente intorno non fa una piega, altre persone sopraggiungono ed evitano il corpo in terra, continuando la loro strada. La donna, in coma, è una infermiera di origini rumene. Sembra che la discussione abbia avuto origine da un non rispetto della coda alla biglietteria. Mi interrogo su che Paese è mai diventato questo. Una terra di nessuno dove vale solo la legge del più forte? Dove l’unica regola è farsi i cazzi propri? Come siamo diventati noi? Il livello di violenza quotidiana e di contemporanea indifferenza che abbiamo raggiunto si coniugano ormai indissolubilmente. Donne che vengono trascinate dietro cespugli in pieno giorno e violentate senza che nessuno si accorga di nulla, ma come è possibile? Le coscenze ormai si risvegliano solo sul divano davanti alla televisione, quando quegli stessi episodi che non hanno scalfito l’ indifferenza nella realtà dell’evento, assurgono agli onori dell’ interesse mediatico, allora e solo in quel caso, diciamo a noi stessi: se ci fossi stato io lì……

Questa voce è stata pubblicata in Società e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Indifferenza

  1. Shara scrive:

    Il mondo è esattamente come noi lo vogliamo!
    Il mondo non è altro che la nostra immagine riflessa in uno stagno!
    Noi siamo il mondo!
    Se non cambiamo prima noi stessi non potremo cambiare lui!

  2. loretta dalola scrive:

    Le cose belle sono dappertutto. Ce ne sono in ogni angolo del mondo. Siamo talmente abituati a vivere la vita che viviamo, che non notiamo più quello che abbiamo intorno. Nel bene e nel male. Se da una parte siamo assuefatti alle bellezze che ci circondano, dall’altra diamo ormai per scontati, e spesso non notiamo nemmeno più, tutti quei comportamenti che incidono in maniera negativa sulla qualità delle nostre giornate.

    Siamo assuefatti al traffico, alla violenza delle guerre e delle nostre città; siamo assuefatti alle notizie di cronaca dei TG, agli spettacoli effimeri della TV, ai gossip dei giornali, ai faccioni ed alle promesse dei politici di tutti i colori… Siamo assuefatti alle mode, ai cibi, alle amicizie, all’amore e così via. Peccato!

  3. Franco scrive:

    Si cerca più che altro di sopravvivere…

  4. Jessica scrive:

    E prima di colpirla le ha pure sputato in faccia.

  5. Lele scrive:

    Questi sono episodi estremi ma il nostro Paese è in declino anche sotto questo aspetto, siamo viziati, maleducati e privi di coscienza sociale!
    Insomma siamo sempre di più la cacca che passa in televisione quotidianamente e gli immigrati si stanno adeguando benissimo!
    In questo paese non si gestisce nulla, o meglio, non si gestisce nulla come si dovrebbe e il conto ci viene presentato sempre più spesso!

  6. Cesare scrive:

    Sono segni inquietanti di

  7. Raffaele scrive:

    Cesare……. segni inquietanti di ???????????

  8. Shara scrive:

    Vi presento un evento avvenuto questa mattina su un bus notturno di Roma;
    h 4:51, la linea notturna ritarda di circa 5 min il passaggio in fermata, la gente si spazientisce subito, alle 4:56 l’autobus arriva e ci carica tutti, l’autista va un po’ piano (sicuramente a più dei 50 km/h previsti per la città), ma la gente reputa che va più piano del solito ed inizia dal fondo a tirare battutine del tipo “non ti ci far mettere più su sto turno! Stiamo facendo una passeggiata! Se stavi a casa oggi era meglio!”…sono rimasta allibita, i commenti erano seguiti dai risolini divertiti degli altri passeggeri (non tutti per fortuna)…
    ho effettuato qualche breve riflessione e mi dicevo…cavolo! Questo LAVORATORE (iniziamo a scrivere Maiuscolo chi ha i meriti in questa società) ha attaccato alle h22, avrà fatto minimo 20/30 corse avavnti e indietro tutta la notte…è arrivato alla sua ultima corsa della LUNGA notte lavorativa , e cosa deve sentirsi dire dalla gente???
    Ma quel benedetto ragazzo non potrà magari essere stanco?Avere sonno?E magari proprio per la stanchezza andare un po’ piu piano del solito perchè non ce la fa più?
    Quanti di loro signori hanno mai fatto un turno notturno 22-6??Io l’ho fatto..e vi garantisco che alle 4 sei cotto..gli occhi ti si chiudono,la stanchezza è tanta, hai un torpore lungo il corpo e senti freddo anche se fa caldo!!!
    FACCIAMO VERAMENTE SCHIFO!
    Siamo diventati un popolo sporco e abietto!

  9. Raffaele scrive:

    Shara, purtroppo credo che il peggio abbia ancora da manifestarsi, c’è un imbarbarimento nei rapporti umani che fa paura, ognuno pensa solo a se stesso. Condivido lo sfogo, ma bisogna che voi giovani, lottiate per cambiare questo paese e le brutture che hanno preso il sopravvento sulla civile convivenza e sulla solidarietà. Ciaooo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *