Insieme

Li ho visti nel parcheggio di un hard discount. Vecchi, lei piccola, fragile, prendeva dal bagagliaio della Fiat una carrozzina e la dispiegava con gesti rapidi ma sicuri. Poi aiutava lui a scendere dalla macchina e sedersi sulla carrozzina. Li ho visti incamminarsi verso il negozio, lei lo spingeva con un’andatura un pò stanca, ogni tanto una carezza sulla nuca, erano sorridenti, si vedeva che erano felici. Allora mi sono chiesto quale potesse essere la loro storia, cosa c’era dietro quelle due persone, cosa avevano passato, come avevano vissuto, cosa li aveva portati fino a lì, se era Amore o solo mutua assistenza. Poi mi sono detto che poteva essere qualsiasi cosa, la cosa importante era che fossero insieme e felici, perchè anche a fare la spesa, con tutte le difficoltà che avevano, la facevano insieme. Mi hanno ricordato una poesia di Montale

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
E ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
Le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
Non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
Le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.

Questa voce è stata pubblicata in Amicizia e Amore e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Insieme

  1. Gianluca Aiello scrive:

    Proprio un bel post Raffaele. Grazie.

  2. Franco Dutto scrive:

    che meraviglia! Bravo.

  3. molto bella l’immagine di quelle due persone che insieme percorrono gli ultimi scalini della loro vita, anche a me succede a volte di provare tenerezza per loro e di invidiarli perchè hanno saputo fare delle rinunce per stare insieme.
    Forse è questa la felicità.

  4. loretta scrive:

    Bello come solo la tua sensibilità riesce a cogliere – anch’io pochi giorni or sono ho guardato ad una coppia anziana, mano nella mano, lei, esile affiancata al suo uomo che guardavano i treni alla stazione dove io astendevo l’arrivo di alessia – anch’io sono rimasta affascinata dai loro sgurdi, dai loro sorrisi complici e teneramente li ho invidiati (nel senso buono del sentimento) – anch’io ho voluto pensare che non fosse abitudine nè rincoglionimento quella loro unione – ma al contrario tuo non avevo una poesia così bella che mi venisse in aiuto, ma tu sei tu!

  5. Laura scrive:

    Bel post, complimenti e bellissima poesia, mi ha emozionato.

  6. Riccardo scrive:

    Molto commovente. Come giustamente dice Loretta….tu sei tu…
    Complimenti

  7. clara sonia scrive:

    chi sono le persone che riescono a leggere attraverso gli occhi? pochi – penso – sicuramente sono persone con una sensibilità unica, con la capacità di leggere l’anima attraverso gli occhi, e senza la necessità di aver vissuto la medesima storia per poterla capire – non ti conosco, ma dal tuo nome vedo che hai un altruismo speciale- ciao

  8. chiaretta scrive:

    Meraviglioso…. ^_^

  9. isabella scrive:

    Amore é condivisione, sempre, nella buona e cattiva sorte. Grazie per averci regalato questo racconto e questa bellissima poesia.

  10. Raffaele scrive:

    L’amore e’ un sentimento straordinario, il vero motore della nostra esistenza. Un amore che dura tutta la vita, pur tra mille difficoltà, fa riflettere, perché spesso si e’ portati ad arrenderci di fronte alle piccole o grandi difficoltà che incontriamo nella vita di tutti i giorni. Quando si ama una persona, ci si sente pronti a combattere contro tutto e tutti, perché ci sentiamo pervasi da una forza che e’ il frutto dell’ unione del sentimento d’amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *