La casta dei pendolari (M.Gramellini)

Vorrei esprimere tutta la mia solidarietà all’influenzata Barbara D’Urso che, tossendo e starnutendo in un video assai condiviso su Internet, si scaglia con la forza di cento raffreddori contro Trenitalia, colpevole di non averle ancora spedito la tessera di platino che le consentirebbe di attendere il treno al calduccio della sala vip invece che sul marciapiede della stazione, in balia di refoli gelidi come sorbetti. Una vergogna. Tanto più – e la conduttrice ci tiene giustamente a sottolinearlo – che l’aggressione batteriologica di cui Trenitalia è complice con la sua ignavia va a colpire un organismo già fiaccato da cinque ore al giorno di diretta pomeridiana. Una minaccia costante per il fisico, sottoposto al continuo logorio dei casi umani.

Si consoli, la signora: sono i costi della celebrità. Solo le persone comuni hanno la possibilità di percorrere ogni giorno delle tratte come la Bergamo-Milano (e ritorno, forse) con mezzi di trasporto che nulla hanno da invidiare alle suggestive locomotive a vapore. Stipati in vagoni che attingono al più ecologico dei riscaldamenti, l’alito, questi autentici privilegiati non conoscono malattie respiratorie né altre patologie della civiltà. Vivono in un microcosmo allietato dalla speranza: che domani il treno arrivi, o almeno che parta. Sono persone semplici, sane, felici. A volte appena un po’ furibonde, ma sempre con classe. Terza classe. In possesso di una speciale tessera di platino che le mette al riparo da un malanno ultimamente piuttosto diffuso: le cadute nel ridicolo.

Questa voce è stata pubblicata in Informazione e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a La casta dei pendolari (M.Gramellini)

  1. Quarchedundepegi scrive:

    Se i disservizi di Trenitalia fossero solo quelli di dare in ritardo una tessera di platino?…………………………
    Ciao

  2. Raffaele scrive:

    Si vede che per la signora D’Urso il disagio è non ricevere la tesserina per stare al calduccio nella saletta Vip del Frecciarossa. Questa la dice lunga sui suoi occhioni languidi e le sue lacrimucce che dovrebbero testimoniare, nelle sue trasmissioni, la sua incredibile sensibilità verso i problemi altrui ……
    Ciao dottore, grazie

  3. Quarchedundepegi scrive:

    Quando si parla di treni… è sempre un piacere.
    Non sei più venuto a trovarmi.
    Ciao

  4. Mariella scrive:

    Ciao
    Io propongo di invitare la “signora” in questione a viaggiare su un treno merci….
    Ma chi si crede di essere ? Mahhhhhhhh

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *