La lunga notte di Mirafiori

Vi sono mattine che ti alzi e senti già che sarà una giornata particolare. Vi sono mattine che ti alzi e vorresti poter mettere il cuore ed il cervello in modalità provvisoria. Oggi per i lavoratori italiani sarà una giornata da ricordare. Hanno vinto i Si all’accordo di Mirafiori, decisivi i voti degli impiegati, i sacrifici però li faranno gli operai della catena di montaggio. Ma è un risultato che fa gioire  la politica, l’informazione, chi vive e specula sui sacrifici altrui. Ho sperato vincessero i no, ma in queste cose sbaglio sempre. Come quando al referendum sulla scala mobile vinse l’abolizione, grazie al voto di tutti coloro che la scala mobile non l’avevano, oppure l’ultimo contratto dei ferrovieri che imponeva grossi sacrifici solo a macchinisti e capitreno, approvato dal referendum grazie al voto di tutti gli altri che di tali sacrifici ne traevano beneficio. Ma se il sistema è questo, magari vedremo un referendum sul contratto degli insegnanti della scuola, nel quale voteranno anche gli studenti oppure quando ci sarà da ratificare il contratto delle forze dell’ordine e delle guardie carcerarie, faremo votare anche i detenuti.

Ora vedremo come andrà a finire alla Fiat ed ai metalmeccanici di tutta Italia. Il metodo Marchionne avrà sicuramente degli emulatori. Vedremo questi grandi investimenti. In Serbia stanno ancora aspettando il miliardo promesso due anni fa dal Sergio italian-canadese, che con questi miliardi sembra un imbonitore dei banchetti delle 3 carte. Lo promette un pò a tutti, chissa se poi veramente esiste, nell’attuale i soldi li ha solo presi, anche da Obama, poi si vedrà. Per il momento ridono solo gli azionisti Fiat.

Ora gli operai andranno tutti in cassaintegrazione fino a tutto il 2011 quando inizieranno a produrre i famosi Suv americani. Il primo effetto di questo accordo è che tutti gli operai non lavoreranno e gli italiani pagheranno loro, come hanno già fatto spesso, il seppur misero stipendio della cassaintegrazione. Poi da fine 2011, se e ripeto se, arriveranno questi Suv, forse gli operai lavoreranno a pieno regime e forse guadagneranno fino a 3600€ all’ anno in più lavorando però anche 10 ore al giorno per quattro giorni sulla catena di montaggio. Di questo passo vedremo chi saranno i prossimi agnelli sacrificali, che dovranno immolarsi sull’ altare della Patria e del Profitto.

Questa voce è stata pubblicata in Lavoro e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *