La morte del congiuntivo

Ormai l’ ho appurato per certo. Anche il congiuntivo è destinato all’estinzione. Almeno rispetto a quanto si sente e si vede in televisione, dove noti esponenti della classe politica e del fior fiore della società italiana, esprimono disinvoltamente le loro capacità oratorie, con buona pace della grammatica e della sintassi. Farà la fine del passato remoto e prima ancora del trapassato remoto. Sentire un giornalista della stampa sbagliare un congiuntivo mentre intervista il politico di turno è sconfortante. E lo è ancora di più quando, ascoltando la risposta di uno dei membri della classe dirigente del paese, gli strafalcioni si moltiplicano in modo esponenziale. Ma questo è ancora un piccolo danno collaterale, rispetto al fatto che in fondo in fondo, capita di non riuscire neppure a capire cosa vogliano veramente dire nei loro discorsi. Ci vorrebbero i sottotitoli per questi novelli discepoli del mago Gabriel.

httpv://www.youtube.com/watch?v=qW5aa8S2INM&feature=related

Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Politica, Società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a La morte del congiuntivo

  1. Karim Gorjux scrive:

    L’ho notato anche io. L’ho notato anche nei doppiaggi televisivi. E’ incredibile. Guarda cosa dice wikipedia

  2. Raffaele scrive:

    Pazzesco !!! Cercasi volontario per commemorare almeno su wikipedia il termine ” Congiuntivo”. Ciao Karim e grazie per il contributo.

  3. marisa scrive:

    Esso defunse all’alba del giorno dopo la nascita di mediaset, ombellico, tette e c. della cultura italiana, i poeti e letterati posero.

  4. Raffaele scrive:

    @marisa
    Ottimo epitaffio, non credo possano essercene di migliori, grazie per il contributo , Ciao

  5. Giuliano scrive:

    Evitiamo di dare spazio alla stupidità di certi individui….oltre a rischiare di metterci al loro pari, permettiamo loro (anche se “al negativo”) di avere pubblicità personale………non evitiamo i cattivi esempi: DISTRUGGIAMOLI DEFINITIVAMENTE!!!!! ……salut…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *