Le pensioni dei reduci 15-18

L’ultimo reduce della Grande Guerra del 15-18, Delfino Borroni classe 1898, è mancato nel 2008 alla veneranda età di 110 anni. Il mio bisnonno anche lui aveva fatto la Grande Guerra e ricordo ancora oggi i suoi racconti quando ero bambino ed andavo a trovarlo. Ricordo ancora le sue parole quando mi raccontava le storie della sua guerra, delle mongolfiere utilizzate sui campi di battaglia per scrutare il nemico, dello stupore quando vide per la prima volta la luce elettrica. Gente tosta, oggi nelle medesime condizioni la guerra non durerebbe tre mesi, saremmo tutti morti dallo stremo e dalle privazioni.

Nel bilancio preventivo dello stato per il 2012, sono stati stanziati quasi 2 milioni di €uro alla voce : “assegno annuo vitalizio ai combattenti della guerra 1914-18 e delle guerre precedenti, insigniti dell’ordine di Vittorio Veneto nonché alle “portatrici” della Carnia e zone limitrofe”.

Ora, in un Paese Normale, probabilmente la cosa scorrerebbe liscia senza problemi.

Ma viviamo in Italia, il Paese dei falsi invalidi per eccellenza, il Paese che paga le pensioni ai morti che vengono ritirate dai parenti non avendone il diritto.

Viviamo in un Paese nel quale la maggioranza dei propri cittadini si sente legittimata nel depredarlo in tutti i modi, legittimi ed illegittimi.

Allora mi sorge spontanea una domanda : Chi ritira quei 4 miliardi delle vecchie lire se tutti i reduci purtroppo non sono più in vita? Degli eredi legittimati ad usufruire della reversibilità?

Allora andrebbe cambiata la voce di destinazione di quei fondi, per non far insorgere dubbi e cattivi pensieri.

Qualcuno darà mai una risposta a questa legittima domanda? Speriamo di sì, ma ammettiamo di essere scettici in proposito.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Società, Storia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Le pensioni dei reduci 15-18

  1. Zacforever scrive:

    Mi hai incuriosito, allora mi son letto la legge,
    La trovi qui http://documenti.camera.it/Leg16/dossier/Testi/LA0453_0.htm

    Non si parla Di reversibilità, ma forse mi e’ sfuggito.

    Pero’ ho letto che la pensione va’ revocata se s
    il reduce ha già diritto alla badante….

    Ciao
    Zac

  2. Raffaele scrive:

    Quindi a chi vanno tutti quei soldi ? Mah….
    Ciao Zac, grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *