Lettera del figlio di un operaio Fiat

Mi sembra attuale riproporre oggi questo post pubblicato il 13 gennaio dello scorso anno. In questi giorni, dopo l’ennesima riforma delle pensioni, che nei prossimi anni genererà disastri sociali spaventosi, si ritorna a parlare di lavoro e licenziamenti. I promotori occulti sono sempre i soliti, Ichino del PD a Cazzola del PDL, gli esecutori saranno i “tecnici di Monti”?

Nel post sono molto interessanti le affermazioni del Prof. Deaglio, marito di Elsa Fornero, così si può capire anche il contesto che genera certe azioni.  

LA LETTERA DEL FIGLIO DI UN OPERAIO

Ero tornato da poche ore, l’ho visto, per la prima volta, era alto, bello, forte e odorava di olio e lamiera.

Per anni l’ho visto alzarsi alle quattro del mattino, salire sulla sua bicicletta e scomparire nella nebbia di Torino, in direzione della Fabbrica.

L’ho visto addormentarsi sul divano, distrutto da ore di lavoro e alienato dalla produzione di migliaia di pezzi, tutti uguali, imposti dal cottimo.

L’ho visto felice passare il proprio tempo libero con i figli e la moglie.

L’ho visto soffrire, quando mi ha detto che il suo stipendio non gli permetteva di farmi frequentare l’università.

L’ho visto umiliato, quando gli hanno offerto un aumento di 100 lire per ogni ora di lavoro.

L’ho visto distrutto, quando a 53 anni, un manager della Fabbrica gli ha detto che era troppo vecchio per le loro esigenze.

Ho visto manager e industriali chiedere di alzare sempre più l’età lavorativa, ho visto economisti incitare alla globalizzazione del denaro, ma dimenticare la globalizzazione dei diritti, ho visto direttori di giornali affermare che gli operai non esistevano più, ho visto politici chiedere agli operai di fare sacrifici, per il bene del paese, ho visto sindacalisti dire che la modernità richiede di tornare indietro.

Ma mi è mancata l’aria, quando lunedì 26 luglio 2010, su “ La Stampa” di Torino, ho letto l’editoriale del Prof . Mario Deaglio. Nell’esposizione del professore, i “diritti dei lavoratori” diventano “componenti non monetarie della retribuzione”, la “difesa del posto di lavoro” doveva essere sostituita da una volatile “garanzia della continuità delle occasioni da lavoro”, ma soprattutto il lavoratore, i cui salari erano ormai ridotti al minimo, non necessitava più del “tempo libero in cui spendere quei salari”, ma doveva solo pensare a soddisfare le maggiori richieste della controparte (teoria ripetuta dal Prof. Deaglio a Radio 24 tra le 17,30 e la 18,00 di Martedì 27 luglio 2010).

Pensare che un uomo di cultura, pur con tutte le argomentazioni di cui è capace, arrivi a sostenere che il tempo libero di un operaio non abbia alcun valore, perché non è correlato al denaro, mi ha tolto l’aria.

Sono salito sull’auto costruita dagli operai della Mirafiori di Torino.

Sono corso a casa dei miei genitori, l’ho visto per l’ennesima volta. Era curvo, la labirintite, causata da milioni di colpi di pressa, lo faceva barcollare, era debole a causa della cardiopatia, era mio padre, operaio al reparto presse, per 35 anni, in cui aveva sacrificato tutto, tranne il tempo libero con la sua famiglia, quello era gratis.

Odorava di dignità.

(Luca Mazzucco)

Questa voce è stata pubblicata in Lavoro e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Lettera del figlio di un operaio Fiat

  1. Marco scrive:

    Per questi economisti da salotto televisivo, che per anni hanno vissuto sulle spalle della società, occorrerebbe il soggiorno a vita nei Gulag di Stalin. Così , visto che non sanno cos’è il lavoro, per gli ultimi anni avrebbero garantito un corso accellerato di apprendimento.

  2. Raffaele scrive:

    @Marco
    Mi fa piacere sapere che c’è chi propinerebbe la stessa ricetta che darei io a questi personaggi che parlano di lavoro senza aver mai fatto un c…. tutta la vita.
    Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *