L’Italia da distruggere – La meglio gioventù

Questa voce è stata pubblicata in Lavoro, Società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a L’Italia da distruggere – La meglio gioventù

  1. loretta scrive:

    Devo dire che i tuoi ritorni dopo assenze virtuali più o meno brevi lasciano il segno – questa poi è speciale e degna di alta nota di merito!

  2. Raffaele scrive:

    Grazie, è che ogni tanto vado in crisi e penso di chiudere il blog, penso che non freghi niente a nessuno di come la penso sulle cose, penso che tanto arrabbiarsi fa solo male al sottoscritto e che il mondo va avanti lo stesso nel medesimo modo anche senza di me e senza il mio contributo, guardo la gente che gioisce di minchiate senza senso e senza valore e mi chiedo perchè io debba sentirmi così infelice quando assisto al degrado della società civile, della morale, delle istituzioni ed in generale dell’ imbarbarimento dei rapporti tra le persone. Allora calo il sipario sullla mia vita e vorrei eclissarmi, poi dopo un pò invece ritorno alla vita….

  3. loretta scrive:

    Uhè non c’è provà!
    La forza dei blog è proprio legata alla rottura del potere informativo e alla sua democratizzazione – tutti siamo utili e mi spiace ma anche la tua goccia è importante, perciò nun ce lassà! Se hai crisi vuol dire che hai un cervello che funziona e non ne esistono molti in giro!- CREDIMI!

  4. Raffaele scrive:

    Grazie, sei sempre cara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *