Lo squallore della politica Italiana: rischiamo il fallimento ma loro continuano a litigare!

La Lega Nord non lo vuole (Monti) e propone Dini (quello che prende 27 mila euro al mese di pensione), La Russa e Frattini s’insultano, e in molti nella maggioranza (come nell’opposizione) mostrano il proprio disappunto per la paura di rimanere fuori dalle nomine dei nuovi ministri, Di Pietro prima dice “no” poi ci ripensa e dice “forse” … è questo lo squallido scenario post Berlusconi (8 anni di governo del “nulla” – o al massimo qualche bunga-bunga – accompagnato da altrettanto “nulla” dell’opposizione) … e a me sta bene tutto, nel senso ci posso stare al discorso che la crisi è stata voluta (anzi è quello che penso), ma adesso la situazione è questa, che piaccia o no, e va risolta il prima possibile perchè il fallimento non è poi lontano (e li significherà fare la fame vera, altro che patrimoniale o ritorno dell’Ici)!

E dopo (permettetemelo), spero che se ne vadano tutti e 900 a fanculo (e per sempre)!

Fonte : stopcensura.com

Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Lo squallore della politica Italiana: rischiamo il fallimento ma loro continuano a litigare!

  1. l’Italia è morta e gli sciacalli fanno banchetto!

  2. speradisole scrive:

    Stasera sono felice, Raffaele, Berluska si è dimesso alle 21.40, finalmente.
    Voglio brindare con te e trasmetterti la mia gioia.
    Alla salute Raffaele, domani è un altro giorno.
    E alla speranza !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ciao Raffaele , un grandissimo abbraccio.

  3. isabella scrive:

    Si é dimesso…era ora… adesso speriamo che voltino pagina e che arrivi una ventata di aria nuova. Sarò più serena solo quando vedrò un effettivo cambiamento ad ogni livello, per ora ci sono ancora troppi galli a cantare nello stesso pollaio. Ciao.

  4. Raffaele scrive:

    Spero che esserci avvicinati cosi’ tanto al baratro serva da monito alla classe dirigente del futuro prossimo e remoto per un comportamento consono e morale. Che mai più gli italiani debbano sentirsi derisi ed umiliati, che mai più debbano temere per i loro risparmi e per il loro futuro. Queste sfide segneranno il termometro di efficienza della politica, sempre che sia chiaro, l’esempio venga sempre dall’altro.
    Grazie a tutte, oggi e’ un giorno libero e felice, mi auguro che provare questi sentimenti nel nostro Paese diventi la normalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *