M.Gramellini – Le notizie della settimana

Vorrei partire con una notizia decisamente scema, ma che ha avuto il grande merito di strapparmi una di quelle risate di pancia che ci scuotevano durante l’infanzia. Monte Cimone, provincia di Modena. Don Stefano Bianchi ha vinto per la sesta volta la gara di slalom gigante riservata ai religiosi di tutta Italia e intitolata: IL SIGNORE SCIA CON VOI.
5.
Dove andremo a finire! Il Parlamento europeo si è espresso a favore del riconoscimento legale della famiglia formata da due persone dello stesso sesso, il che significa diritto alla pensione di reversibilità, diritto a prendere decisioni relative alla salute del compagno malato, ecc. Il giorno dopo in Italia una sentenza della Cassazione ha ripreso gli stessi principi. In Inghilterra sono già un passo avanti e il governo conservatore di Cameron ha deciso di appoggiare la legge che istituisce il matrimonio civile fra persone dello stesso sesso. «Lo faccio», ha detto il primo ministro, «proprio perché sono un conservatore: l’impegno di una persona verso un’altra persona nel matrimonio è un valore dei conservatori». Ma Giovanardi saprà l’inglese?
4.
Questa settimana abbiamo perso due squadre in Champions, ma in compenso abbiamo raggiunto il record della benzina (quasi due euro al litro, ancora uno sforzo e ci siamo) e nella classifica dei Paesi più tassati siamo saliti al 45%: ormai solo la Danimarca, col suo 48, ci separa dalla vetta. Ma lasciami rimarcare l’uso astruso che i danesi fanno del loro denaro pubblico. Solo il 5% della popolazione attiva è senza lavoro e mai per più di 2 anni. Dal primo giorno di inattività scatta l’assegno di Stato, fino al 90% dello stipendio per 4 anni. Hanno un debito pubblico meschino, appena il 38% del pil. Non per vantarmi, ma qui siamo al 120. Hanno una scuola pubblica fra le più efficienti del mondo. I deputati vanno al lavoro in bici, che tristezza, le donne occupano i posti più importanti, dalla presidenza del consiglio in giù, eppure continuano a fare figli, anche a causa della proliferazione indiscriminata degli asili nido che coprono il 73% del fabbisogno complessivo. In Italia, qualunquemente, il 16. Le tasse alte sono un problema, ma forse non il principale. Il principale problema sono i servizi bassi.
3.
La granitica, proverbiale compattezza del Pd è stata turbata da un inedito episodio di fronda interna. Un gruppo di parlamentari del centrosinistra guidato da Fioroni e Follini ha preso pubblicamente le distanze dalla clamorosa decisione del loro partito di sostenere alle presidenziali francesi il candidato del centrosinistra, Hollande. La mia personale impressione è che a ispirare il documento dei frondisti sia stato lo stesso Hollande. Visti i precedenti delle primarie di Genova e Palermo, l’idea di avere l’appoggio del Pd lo terrorizza.
2.
Cronaca di una settimana qualsiasi in un Paese non qualsiasi, il nostro.

• Milano. Blitz al Pirellone, Una mazzetta a Gianburrasca, indagato il consigliere Gianmario del Pdl – nome in codice Gianburrasca – per una tangente di 10mila euro a fondo perduto. E’ il nono consigliere della Regione Lombardia a essere indagato.

• “Champagne, vino, formaggi, 4 spigolone, 20 scampi, ostriche imperiali, 50 noci bianche, 50 cozze pelose, 2 kg di allievi locali di Molfetta (non si tratta di esseri umani, ma di seppioline) e 8 astici.” E’ il regalo di Natale ricevuto nel 2007 dal sindaco di Bari, Emiliano del Pd. Mittente Gerardo Degennaro, ex consigliere regionale del Pd medesimo arrestato per appalti truccati, frodi e favori. Il sindaco accettò il dono, lamentandosi della mancanza di ghiaccio per conservare il pesce. “Le formette, mi raccomando, subito.” Ovviamente un pacco di pesce non è un tangente. Specie se è senza ghiaccio.

• Scoop dell’Espresso: il tesoriere Lusi, quello degli spaghettini da 180 euro ma soprattutto dei 20 mln estorti al bilancio di un partito defunto, la Margherita, avrebbe girato 866mila euro alla fondazione di Rutelli “Centro futuro sostenibile.” Reazione rabbiosa dell’ex sindaco. “Tutto regolare, era un avanzo della campagna elettorale del 2008.”

• Bologna. “Indagato il governatore Errani. Fondi per un milione di euro alla coop presieduta dal fratello.”

• Milano. Pirellone, nuove accuse. “Per gli affari si passava da Boni”. Le autorizzazioni edilizie, dice l’accusa, erano sottoposte al pagamento di mazzette. Un terzo ai professionisti e i rimanenti 2/3 ai partiti che reggevano la Giunta, FI e Lega.”

• Di nuovo a Bari dal sindaco Pd Emiliano. “Non lascio per un po’ di pesce e delle cozze pelose.” Aggiunge “Se ho sbagliato è colpa di 20 anni di berlusconismo. Ho fatto male a confondere politica e imprenditoria. Ma adesso sono maturato”.

• Nell’inchiesta sul porto di Imperia che ha portato all’arresto del costruttore Bellavista Caltagirone è saltato fuori il nome di Scajola. Avrebbe versato una caparra di 103 mila euro per alcuni posti barca, ma non avrebbe pagato il saldo. Lui non ricorda. Vuoi vedere che pure il posto barca gliel’hanno comprato a sua insaputa?
1.
Intervistato da Antonello Caporale di Repubblica, il capo dei senatori pidiellini Maurizio Gasparri ha proclamato: “I ministri tecnici hanno troppa spocchia, sono perfetti solo se gli dai un manuale di istruzione da seguire. Noi politici stiamo riconquistando il centro del campo”. Senatore, temo ci sia un equivoco. Forse l’hanno tenuta all’oscuro, ma non c’è più campo. L’ultimo sondaggio vi dà al 4% di gradimento e la maggioranza degli italiani (pessima notizia) non vuole andare a votare fra un anno perché teme il ritorno dei partiti. Avete avuto 6 mesi per autoriformarvi e mostrare ai cittadini che anche la classe dirigente era pronta a sacrificarsi. Invece siete rimasti asserragliati nel fortino de privilegi. L’ultima vergogna è che 11 consigli regionali su 20 hanno fatto ricorso alla Consulta per bloccare la legge che li obbliga a tagliare 343 poltrone. Caro Gasparri, lei bollerà questi discorsi come populisti. Invece li facciamo proprio perché onoriamo la democrazia e la politica. E’ che non ne possiamo più di vederle incarnate da voi.
Frase della settimana
L’Italia ha il sole nove mesi l’anno: con un reddito base la gente si siederebbe e mangerebbe pasta al pomodoro.
(Elsa Fornero, 13 marzo 2012).

Questa voce è stata pubblicata in Informazione, Politica, Società e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a M.Gramellini – Le notizie della settimana

  1. Gibran scrive:

    Ti rispondo solo alla prima frase , ma il Signore sciava? Forse con Mosè nel Sinai.
    Ciao Raffaele.

  2. Raffaele scrive:

    @ Gibran
    🙂
    Però spiritosi… Peccato lo sciano solo in certe occasioni
    Ciao

  3. loretta scrive:

    che bello, leggerle con calma e meditare – grazie del servizio, firmato: un’utente soddisfatta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *