Mela bacata

Questa mattina la sveglia del mio Iphone4 non è suonata, solo per una pura combinazione non ho “volato” il lavoro. Dicono alla Apple che è un baco del software IOS 4.2, ma è la seconda volta che succede, prima è stato con l’ora solare, ora i primi 2 giorni dell’anno. Sarà anche vero che l’ Iphone non lo si utilizza solo per la sveglia, ma siccome è presente, come lo è in tutti i cellulari, uno la usa e si aspetta che funzioni sempre e se parliamo di Apple queste “distrazioni” non sono giustificabili. Se poi aggiungiamo che da spento la sveglia non funziona…. Ma cosa ci vuole a scrivere nel software queste semplici istruzioni ? Basterebbe un briciolo di umiltà in più, non siamo tutti fighetti che amiamo solo esibire l’oggettino, noi vogliamo che funzioni, sempre e così tutte le sue applicazioni.

Questa voce è stata pubblicata in Informatica e Tecnologia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Mela bacata

  1. Marisa scrive:

    E prendere una di quelle sveglie vecchio tipo, con tanto di “suonerie metalliche stile campanelli”, formato gigante, attaccate sulla sommità?!? (non so se ho reso l’idea, ma credo tu abbia capito)

    Io le adoro! 😀

  2. Raffaele scrive:

    @ Marisa
    Potrebbe essere una soluzione valida ed affidabile, solo che il ticchettio mi disturba e non mi fa addormentare, anche se la metto nel comodino… 😀 Ciao

  3. Marisa scrive:

    Dio mio, che orecchio sensibile. 🙂

    Mi è venuto in mente uno dei premi IgNobel. Nel 2005 è stato premiato per l’Economia Gauri Nanda del MIT (USA), per aver inventato una sveglia che corre via e si nasconde ripetutamente, assicurando così che le persone si alzino effettivamente dal letto, teoricamente aumentando le ore produttive di lavoro.

    Ho pensato che se la mettono in vendita, prima o poi, la regalo a mio figlio. 🙂

  4. Premetto che non ci capisco niente ma a furia di spippolare sul mio cellulare che saltava la data ogni volta che lo spegnevo e che quindi non rispettava gli impegni, ho scoperto che lui calcolava solo 5 giorni lavorativi e questo restringeva la settimana così il sabato e la domenica non esistevano nella conta del calendario.
    Una volta corretta questa cosa ho avuto le date giuste fino al giorno in cui è avvenuto il suo suicidio. (come ben sai)

  5. Raffaele scrive:

    @marisa (l’altra)
    Certo che usi cellulari alquanto bizzarri, non ho mai sentito le cose che racconti, poi il fatto che salti tutto da solo nella tazza del water come fosse un pesciolino rosso impazzito 😀 😀 😀
    Ciao e grazie di essere passata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *