Mr. Parmalat

18 anni di reclusione. Questa la sentenza del Tribunale di Parma. Dopo quella di secondo grado a 10 anni per aggiotaggio da parte del tribunale di Milano. Ma Calisto Tanzi, 71 anni, a differenza dell’ ex presidente del Nasdaq Bernard Madoff che, condannato a 150 anni di reclusione e’ fin da subito ospite delle patrie galere americane, il nostro Calisto in galera non ci andra’ mai. Perche negli Usa la certezza della pena non e’ uno slogan elettorale e chi truffa i risparmiatori compie un reato gravissimo, come se avesse ucciso Nella sua villa di Vigatto l’ex patron della Parmalat si occupa, secondo le ultime notizie, di muffin e succhi di frutta. In tutto ha fatto 104 giorni di prigione. Poi un po’ di arresti domiciliari sempre nella villa con ampio giardino Era il 2003, quando migliaia di risparmiatori scoprivano di essere stati truffati dei loro risparmi, mentre alcune banche continuavano imperterrite a vendere titoli spazzatura e Mr Tanzi tornava da un misterioso viaggio in  in Sudamerica. Dal 2004 la magistratura è alla caccia di quello che è stato chiamato “il tesoretto” di Tanzi, che avrebbe nascosto negli anni distraendo fondi dalle casse della società. La pista sudamericana è stata battuta, visto il viaggio prima dell’arresto, ma senza grandi esiti. Solo di recente, circa un anno fa – ma a sette anni dallo scoppio dello scandalo – sono stati scovati dagli investigatori quadri d’autore per un valore superiore ai 100 milioni di euro: Van Gogh, Picasso, Modigliani, Cezanne, Ligabue, De Nittis, e Monet. Al TG di Sky, la giornalista chiedeva all’ avvocato di Tanzi: ” Come l’ ha presa il Cav. Tanzi?”  Ma Tanzi non è più Cavaliere, il titolo gli è stato revocato il 20 settembre scorso per indegnità dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, accogliendo la proposta del ministro dello Sviluppo economico, ha firmato il decreto di revoca “per indegnità“ della decorazione di Cavaliere al Merito del Lavoro. Così l’ex Cavalier Tanzi, che dopo essere stato arrestato e messo in carcere otteneva i domiciliari perchè ” molto provato”, poi giurava su tutto ciò che poteva giurare che non esisteva alcun tesoretto, ora si dichiara stupito della severità della sentenza. Calisto Tanzi in carcere non ci andrà mai, tra appelli, ricorsi, cassazione e stato di salute, certamente vivrà da uomo libero fino alla morte. Il popolo “dei quattro soldi” come venne definito dall’ ex governatore della Banca d’Italia Fazio, non avrà neppure il rimborso del maltolto, visto che verra’ rimborsato solo il 5%. Potra’ dirsi soddisfatto di una giustizia virtuale che condanna solo sulla carta?

Questa voce è stata pubblicata in Giustizia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Mr. Parmalat

  1. SERGIO M scrive:

    Sono cose che feriscono e ci lasciano con la assoluta sfiducia verso chi doveva consigliare i piccoli risparmiatori nella cura del loro piccolo patrimonio, e invece ha favorito questa mega, grande, super operazione dei Tanzi e combriccola.
    Oltretutto in questo momento in Europa tutti insieme stiamo rifinanziando gli “errori” commessi dai banchieri.
    Intanto i manager rimangono al loro posto, belli pasciuti, e le famiglie faticano.
    E tutto questo mi sembra veramente offensivo.

  2. Raffaele scrive:

    Tutto vero caro Sergio, quando poi i risparmiatori sono anziani mal consigliati dalla loro banca ed i risparmi sono il frutto del lavoro di tutta una vita, allora la cosa è ancora più grave e triste. Un caro saluto a te, Vanda e Giovanni. Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *