OK il peso è giusto

Sono davanti al banco del reparto macelleria di un centro commerciale, sono l’unico cliente e quando si accorge di me, l’addetta giunge premurosa e sorridente. “Desidera signore?” Mi dia due bistecche di sottofiletto da fare ai ferri, tagliate un pò più spesse, le dico. Questo è il mio solito leitmotif, che uso giusto una volta al mese, quando non resisto proprio all’astinenza di carne ed allora per un paio di pasti devo mangiarne. Il tempo di distrarmi un secondo guardando il banco e vedo l’ago della bilancia che si avvicina paurosamente al Kilogrammo sotto il peso di due bistecche tipo fiorentina che non erano esattamente ciò che desideravo. Un pò spesse sì, ma non così. “Desidera altro?” Mi dia ancora 3 etti di tritata sceltissima da mangiare cruda. In un battibaleno facendo appena in tempo a vedere il peso avvicinarsi più al mezzo kilo che ai 4 etti e mezzo, che la carne era già imbustata e impacchettata. E mentre Lei si preparava a chiedermi nuovamente se desideravo altro, sento la mia voce rivolgersi alla macellaia e dirle : ” Signora scusi, le dispiacerebbe togliere la carne eccedente dai 3 etti e darmi solo la quantità esatta che le ho richiesto?”

Immediatamente, senza una parola, con il sorriso svanito di colpo dal suo giovane volto, la signora della macelleria esegue la mia richiesta ed io mi congedo salutandola, quasi con un senso di colpa per averle fatto quell’osservazione sul peso della tritata.

Questa voce è stata pubblicata in Società e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a OK il peso è giusto

  1. Ma che bravo!!!
    In effetti è difficile riuscire a non farsi fregare dal macellaio e dal salumaio, eccedono sempre sul peso per guadagnare di più.

  2. loretta scrive:

    Questo tuo lato di precisione alimentare mi era sconosciuto, ora so come regolarmi per eventuali inviti a pranzo…ciao

  3. Raffaele scrive:

    @ Marisa e Loretta
    Si vede che i macellai tendono ad adottare il “melius abundare quam deficere” di Seneca 🙂 ma poi noi dobbiamo fare i conti con la pancia che cresce e nonostante io dica sempre che “omo de pansa omo de sostansa” in questo periodo sono un briciolino a dieta. Ciao e grazie

  4. claudio scrive:

    sono alle prese con queste usanze, sono in vacanza in italia. Soluzione mia personale: chiedo meno di quello che mi serve……magari ottengo il peso desiderato.
    ciao raff

  5. Raffaele scrive:

    @Claudio
    Fatti sentire, andiamo a prenderci un caffe’. Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *