Paul indovina ancora

Il bizzarro veggente si chiama Paul ed è un polpo che vive nell’acquario pubblico di Oberhausen, in Germania: prima di ogni incontro nella sua vasca viene posizionato un piccolo campo da calcio in plastica contraddistinto dalla bandiera tedesca e da quella della squadra avversaria. Paul si muove lentamente verso una delle due bandiere e quella toccata per prima dal tentacolo corrisponde alla nazione vincitrice. Ad oggi Paul ha pronosticato correttamente tutte le partite della Germania ed anche stasera ha indovinato. Difatti da ieri tutta la Germania era in apprensione per l’infausto pronostico che diceva Spagna in finale. Ed il pronostico si è nuovamente avverato, con la Germania sconfitta dalla Spagna per 1-0.

Questa voce è stata pubblicata in Società e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Paul indovina ancora

  1. loretta scrive:

    Deliziosa curiosità – speriamo che lo mantengano in vita a lungo visto che ne pssono sfruttare le doti!

  2. loretta scrive:

    Delizioso post! – Finchè l’interesse umano si mantiene alto la pentola sicuramente è lontana…

  3. Giorgio scrive:

    Tutte le ha indovinate, fino alla finale, speriamo che Zapatero lo porti in Spagna e gli garantisca una pensione dorata come promesso.

  4. Umberto scrive:

    Ha tutte le caratteristiche che mancano alla politica nostrana: è decisionista, non dimentica mai i suoi impegni, e quando dice una cosa è quella. Per questo, il polpo Paul dovrebbe tornare in Italia (ieri si è scoperto che è originario dell’isola d’Elba) e, come ha proposto il deputato del Pd Andra Sarubbi, assumere qualche massimo ruolo dirigenziale all’interno della politica italiana.

    Vogliamo Casini al posto di Bossi o dei finiani? Che posizione prendiamo nei confronti della nuova P2 all’amatriciana? Verdini si deve dimettere? Il Lodo Alfano deve essere approvato? Anche se gli capita di sbagliare, il polpo Paul è il cefalopode giusto per dare una scossa a questo povero paese, che mai come in questo momento ha bisogno di scelte chiare.

    E c’è bisogno di qualcuno che le possa prendere in totale serenità. Il polpo Paul ce la può fare: è incorruttibile (gli basta una cozza per decidere), non ha conflitti di interesse e, grazie all’inchiostro nero, può mimetizzarsi rapidamente in caso di necessità. Soprattutto, è dimostrato che ha la capacità di apprendere se sottoposto a test di apprendimento per associazione e osservando gli altri della sua specie. Il che lo pone almeno una spanna sopra la quasi totalità della classe politica italiana. Polpo Paul for president: yes, we can.

  5. loretta scrive:

    Bella risposta Umberto – posso firmare il mio assenso in toto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *