Quando i burocrati chiedono aiuto

Tempo fa trovo una multa sul parabrezza della mia auto e decido di pagarla immediatamente con il mio Iphone, utilizzando il codice QR in calce alla ricevuta.

Appena immessi i dati della carta di credito, la pagina che avrebbe dovuto confermarmi l’avvenuto pagamento va in crash, visualizzando solo un riga di errore.

Credo, purtroppo erroneamente, che il pagamento non sia andato a buon fine, così appena giunto a casa, ripeto la procedura con il Pc e concludo l’operazione.

Tempo dopo però, mi giunge l’estratto conto della carta di credito e noto il doppio addebito di quella multa.

Chiamo il comando dei vigili, racconto l’accaduto e chiedo come fare per avere il rimborso, pensando ingenuamente che loro, come li hanno presi, potessero immediatamente restituirli, stornandoli dalla stessa carta di credito.

Guardi, mi dice la persona al telefono, scriva una bella raccomandata raccontando per filo e per segno l’accaduto, alleghi le immagini della pagina internet, noi la inoltreremo all’ufficio contenziosi, che la girerà all’ufficio amministrativo che quando avrà il benestare dell’ufficio ragioneria, dopo i dovuti riscontri tecnici, la contatteremo per il rimborso.

I tempi? chiedo

Guardi, per questo tipo di cose siamo sull’annetto. 

Ad essere ottimisti, penso io, conoscendo la burocrazia, sempre che poi non ci si mettano di mezzo altre lungaggini.

Non è per l’importo, di modesta entità, ma essere costretto a subire gli assurdi meccanismi di una burocrazia inefficiente ed inefficace, caratteristica tutta nostrana, mi ha sempre irritato molto.

Così decido di percorrere un’altra strada.

Apro una contestazione a Cartasi , compilo il modulo e lascio che siano loro ad occuparsi del mio rimborso.

In fin dei conti tutto è nato da un problema tecnico del sistema di pagamento online, che se la sbroglino loro.

Ed attendo i 30 gg. indicati come tempistica da Cartasi.

Una mattina mi squilla il cellulare, vigili urbani.

La voce femminile è cordiale e si presenta come il Capo dei Vigili.

Mi chiama per risolvere il rimborso della mia multa in modo semplice e diretto, basta che comunichi loro l’Iban della mia banca ed in men che non si dica, mi restituiscono i soldi.

Ma non potevate farlo prima? È così semplice….

Guardi, mi risponde, il fatto è che Cartasi ha chiesto ai nostri uffici una montagna di documentazione, dovremmo impiegare una persona per un giorno per accontentarli, senza neppure sapere se potremmo riuscirvi, visto che alcune cose richieste non sappiamo neppure cosa sono.

“Ci venga incontro e ritiri la contestazione.”

Mi scappa un sorriso, senza volerlo ho messo burocrati contro burocrati.

Quando gli elefanti combattono è sempre uno spettacolo.

Accetto l’invito, tre giorni dopo ho i soldi sul conto.

Penso che per combattere e superare la burocrazia che paralizza un intero Paese, basti in fondo solo un pò di sano buon senso.

Ma forse è proprio ciò che è difficile trovare in molti uffici ed in molte persone.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e riflessioni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Quando i burocrati chiedono aiuto

  1. claudio scrive:

    il sottoscritto sta vivendo una situazione analoga con il noleggio avis…..
    riassumo: chiedo di noleggiare un’auto a genova e confermo pagando con carta. dopo una ora sopraggiungono contrattempi e la disdico, il sistema mi dice che mi verra’ addabitato un importo ma non mi preoccupo. all’arrivo dell’estratto carta vedo che l’importo trattenuto e pari al noleggio!! inizio una corrispondenza con il centro reclami e mi confermano che mi rimborseranno buona parte del pagato….. son passati + di 6 mesi e non ho ancora visto un penny…..
    saluti

  2. loretta dalola scrive:

    geniale escamotage che finalmente riequilibria un po’ le parti di coloro che subiscono i cavilli della nostra burocrazia – ti assumerei come paladino antiscartoffie! – ciao

  3. Raffaele scrive:

    @Loretta
    Per te mi presto volentieri come paladino antiscartoffie !!!!
    Baci, ciao
    @Claudio
    Purtroppo il mio consiglio è di insistere, scrivere, non telefonare, in ultimo rivolgiti ad una associazione dei consumatori. La burocrazia ha la capacità di stritolare noi comuni mortali… Ciao e auguri x la soluzione del tuo problema

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *