Salvate il soldato Papa

Il Presidente del Consiglio ha comunicato che “Bisogna salvare Papa”, il parlamentare PdL coinvolto nell’inchiesta sulla P4.

Altrimenti l’autorizzazione all’arresto di un parlamentare costituirebbe un pericoloso precedente, sia mai. Il suo braccio destro al Governo, sempre che uno riesca a capire cosa bofonchia, un momento dice che la Lega voterà per l’arresto, un attimo dopo dice che no, poi di fronte al popolo leghista cambia nuovamente versione, poi va a cena ad Arcore e dice che non si può arrestare uno senza processo. Difatti in Italia avviene sempre così vero?

Possiamo avere un Governo che non fa altro che pensare agli interessi di chi è già un privilegiato, a danno di tutti gli altri? Un Governo che manda sempre e solo un unico messaggio: ” Armiamoci e partite”?

I nuovi sacrifici  per salvare la baracca dalla bancarotta sono già partiti, pensionati che hanno lavorato una vita, contribuendo alla crescita economica del Paese. vengono ora considerati come una zavorra e come la causa prima del debito pubblico.

Lobby di parlamentari che pensano solo ai propri interessi privati e a difendere i privilegi dei loro albi professionali. Corrotti, inquisiti, condannati in via definitiva, gente con una fedina penale così lunga da far arrossire  un malavitoso, tutti insieme appassionatamente a far finta di rappresentare gli interessi del Popolo sovrano. E intanto tutto va a gambe all’aria.

Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Salvate il soldato Papa

  1. loretta scrive:

    E’ un caos generale – sono preda di un pessimismo che mi oscura la mente – sono veramente provata da tutta questa “melma” che ora ci coinvolge e che sicuramente non farà affondare chi ha causato tale situazione – sinceramente la vedo dura per il nostro immediato futuro! ciao

  2. Raffaele scrive:

    In effetti se pure una persona positiva e generalmente ottimista come te, sente questo disagio, pensa a come mi sento io che di natura sono pure pessimista. Dai Loretta, non molliamo.
    Un abbraccio
    Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *