Save the Polverini (and Formigoni)

C’erano una volta le regole, le regole sono obblighi o divieti che ci dicono come dobbiamo comportarci, ci vietano alcune cose, ma ce ne permettono altre, insomma servono per vivere bene proprio perchè regolano la società in cui viviamo e normalmente le regole valgono per tutti, almeno in Italia era così fino a ieri. Da oggi, siccome neppure chi dovrebbe dare l’esempio nel rispetto delle regole e cioè la politica ed il governo del Paese, sono capaci di farlo, ci siamo inventati l’interpretazione delle regole, grazie ad un Decreto Legge del solito Partito dell’Amore, della Libertà, del Fare, del Dire ecc. ecc. Scadenza nel termine di presentazione di una lista elettorale vuol dire che entro una tale data ad una tal ora, la lista deve essere presentata. Non c’è interpretazione che tenga, perchè in passato chi non ha rispettato questa regola è stato sistematicamente escluso dalla Gara Elettorale. Le Liste forse saranno riammesse e d’ora in avanti le scadenze saranno meno rigide e più flessibili. Per noi Italiani quest’ultimo atto non cambia di molto ciò che  già percepiamo in merito al rispetto delle Regole, da un bel pò abbiamo capito che c’è sempre chi può chiudere un occhio, fare un eccezione, e poi possiamo sempre chiedere una deroga, una proroga, un aiutino ed in caso contrario siamo pronti a fare ricorso, appello, controappello o a chiedere un condono, mal che vada in extremis arriva sempre un indulto o un’ amnistia. Siamo proprio allergici alle regole ed alle norme e quando qualcuno ne chiede il rispetto o ne fa notare l’esistenza, ci indignamo profondamente, e gridiamo al complotto.

Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Save the Polverini (and Formigoni)

  1. marco scrive:

    chi è senza peccato scagli la prima pietra!
    2030 anni fa ma molto più valido oggi…………

  2. Raffaele scrive:

    se un gruppo di persone arriva al seggio dopo la chiusura che si fa? si apre per farli votare perche’ devono esercitare il loro diritto? e il diritto di tutti gli altri che hanno votato,di far si’ che le regole vengano rispettate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *