Schiavi moderni con GPS

La nuova frontiera del controllo sui propri lavoratori ha inizio nel ricco Nordest del nostro Paese, dove un’ organizzazione di distribuzione e volantinaggio, di origini indiane, per controllare i propri dipendenti, regolarmente in nero, li aveva dotati di un collare elettronico con GPS incorporato.
Poveri cristi che per mangiare la pagnotta dovevano correre tutto il giorno con montagne di volantini fino a 15 ore, per portare a casa 25€. La tecnologia non ha un’etica, può essere utile al chirurgo, all’astronauta o al criminale, per sua natura non guarda in faccia nessuno. Non solo: più la tecnologia avanza e occupa spazi, più il pensiero si ritira in aloni opalescenti, fino a rarefarsi del tutto. È probabile che i nuovi padroni colti in flagranza di reato abbiano sgranato gli occhi di fronte alle accuse. Che c’è di male a dotare di collarino gps i tuoi schiavi? Prima c’era la palla al piede, le catene, adesso gli rendiamo la vita più facile, e voi pure vi scandalizzate? Chi tiene gli occhi bassi sulle cose non ha tempo per pensare: o è troppo intento a far soldi o sta sudando per farli fare a qualcun altro. È stupefacente il mondo che si nasconde dietro queste giustificazioni e la loro patina di laboriosità. Sotto i nostri occhi ogni mattina va in scena una commedia piena di gente indaffarata, ragazze che sorridono ai banchetti dei surgelati in promozione, agenti immobiliari in grisaglia che offrono sempre nuove perizie, giovani africani che ingombrano i tergicristalli e le cassette della posta di stramaledetti volantini pubblicitari. Li accettiamo i loro volantini. Alla fin fine, pensiamo, hanno un lavoro, ce l’hanno fatta. Guarda che bei caschetti, che belle pettorine, che belle biciclette. Siamo quasi contenti per loro. Mica ci siamo chiesti se quei caschetti servono a farli pedalare più sicuri o a nascondere un guinzaglio di ultima generazione.
La commedia va in scena ogni giorno secondo il copione ormai consolidato del «purché si lavori», ma dietro le quinte lo sfruttamento ha raggiunto purtroppo livelli di ferocia inaudita.

Fonte Nodalmolin/benecomune

Questa voce è stata pubblicata in Lavoro e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *