Scoperta l’acqua calda

Incredibile, nessuno ci sperava più, ma finalmente chi è al governo si è accorto che in Italia abbiamo gli evasori fiscali ed i falsi invalidi. E’ bastato l’annuncio per far saltar fuori ciechi che guidano, sordi che suonano nella banda del paese, società ricchisime che non hanno mai dichiarato una lira e via di questo passo. Questa notizia, che porta in sè l’azione che il governo intraprenderà per recuperare soldi e non far fare al nostro Paese la fine della Grecia, ha notevolmente incrementato l’autostima del sottoscritto. Si, perchè queste informazioni io le conosco già da qualche decennio, ma pensavo che probabilmente fossero una mia paranoia ricorrente. La regola che vuole che chi amministra denaro pubblico ed ha responsabiltà di governo debba sempre rifarsi nelle sue azioni al comportamento virtuoso del buon padre di famiglia, nel nostro caso probabilmente non è mai stata rispettata, altrimenti cosa altro dovremmo pensare?
Faccio un esempio : In una famiglia di 5 persone, tutti lavorano ma nella cassa comune ci versa i soldi solo il capofamiglia. Gli altri componenti, non solo mangiano e dormono e non contribuiscono alle spese, ma sperperano al gioco d’azzardo anche i soldi del papà. Questi, non bastandogli mai il suo solo stipendio, ogni mese si indebita sempre più, per far fronte a spese sempre crescenti ed introiti insufficienti. Dopo qualche decennio qualcuno lo informa che di questo passo andrà in default ed allora lui che fa? Annuncia trionfalmente che scoprirà chi nella sua famiglia non contribuisce alle spese comuni e sperpera gli averi. A me viene da ridere, perchè immagino che molti italiani prenderanno sul serio la notizia e confideranno in essa una nuova stagione di giustizia sociale. Ricordo quando verso la fine degli anni ’80, consultando l’elenco delle dichiarazioni dei reddiiti nel mio Comune di allora, un paese di 10.000 abitanti, scoprii con non poca sorpresa di essere, io umile ferroviere, tra i 50 più ricchi del paese, e mi domandavo: ma come è mai possibile? io che a malapena arrivo a fine mese, ho una macchina mezza scassata ed abito in affitto? Ma di chi sono tutte quelle ville miliardarie e quelle macchine lussuosissime? Con non poca frustrazione ho sempre pensato che un Paese che non sia in grado di garantire giustizia ed equità sociale, non è un paese con la P maiuscola, non è il mio Paese. Ecco il motivo per il quale mi sento così poco nazionalista. Detto questo, ed essendo pressoche certo che di soldi lo Stato ne recupererà veramente pochi, basta vedere quante cause sono già iscritte all’ INPS sulle pensioni d’invalidità e quante cause amministrative verranno celebrate per poter prendere un pò di tasse a chi le ha sempre evase, recuperando infine tra qualce decennio meno di quanto si è speso per intentare il tutto, mi permetto di esprimere la mia opinione sulle cause del dissesto finanziario dell’ Italia, che, spero di venir smentito, non si risolverà con questa minestrina dei falsi invalidi e degli evasori.
I lavori pubblici sono la prima causa, costano da 3 a 4 volte quello che costano negli altri Paesei Europeri, il più delle volte non servono a nulla, quando terminano sono da rifare perchè fatti male non essendoci nessuno che controlla. Il sistema sanitario che presta poca attenzione alla prevenzione e tanta alla cura, farmaci pagati il triplo dell’equivalente in Europa, miriadi di cliniche private convenzionate, esami specialistici carissimi prescritti anche quando non servono, operazioni chirurgiche effettuate solo per denaro. Gli affitti che vengono pagati dagli enti pubblici, i rifacimenti continui ed infiniti delle nostre strade, che sono sempre piene di buche, mentre quando vai in qualsiasi altro paese all’estero le vedi lisce e sempre perfette. Appalti truccati, corruzione di funzionari pubblici e politici, concessioni governative svendute per un pezzo di pane, privilegi della classe politica e dirigente, spesa dell’esercito e delle missioni di pace. Ci salveremo ? Io speriamo che me la cavo.

Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Scoperta l’acqua calda

  1. Guido Giraudo scrive:

    Raffaele hai ragione su tutto il fronte, il problema è che noi semplici cittadini non contiamo più nulla, serviamo solo a legittimare quei signori che hanno trovato nella politica la loro personale mucca da mungere. Con queste sparate per gli allocchi gettano ulteriore fumo negli occhi, del resto hai per caso sentito qualcuno chiedere spiegazioni del perchè fino ad 1 mese fa il sig. Berlusconi e tutti i suoi collaboratori ci rassicuravano che i conti erano a posto, salvo poi dire che se non si faceva questa manovra avremmo fatto la fine della Grecia. Come ci si può fidare di questi incapaci e pure bugiardi ?

  2. Laura scrive:

    L’unica soluzione per contrastare l’evasione fiscale sarebbe rendere pubbliche le dichiarazioni dei redditi. Quando è stato fatto per un giorno dal governo Prodi ne abbiamo viste delle belle. ho scoperto che un mio conoscente che gira in BMWX5 da 75.000€ bontà sua aveva dichiarato nel 2007 1700€ lordi all’anno e la macchina l’aveva comprata nello stesso anno. Ma dico, perchè non si prende subito l’elenco di tutti quelli che hanno comprato una macchina che costa il doppio o il triplo di quanto dichiarato e non si inizia a controllare da li ?

  3. Francesco scrive:

    Questa sera a Report su Rai3 hanno fatto vedere un bel servizio sulla Chiesa, molto educativo. Ecco dove si dovrebbero prendere i soldi, basta regali dello stato alla chiesa, bastano e avanzano quelli dei suoi fedeli, visto poi come vengono usati.

  4. Mirella scrive:

    Se i nostri politici iniziassero a comportarsi come un buon padre di famiglia, cesserebbe l’interesse tutto economico e personale di buttarsi in politica. i costi gonfiati degli appalti e dei lavori, incorporano le tangenti e le mazzette, è come quando si va in America, la mancia è obbligatoria, qui la tangente è d’obbligo, altrimenti non lavori. Io li chiamo “pizzo di stato”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *