The Johnny Cash Project

The Johnny Cash Project è un interessante progetto di arte collettiva e collaborativa, che intende celebrare la vita e l’opera del musicista americano Johnny Cash, scomparso nel 2003. Accedendo al sito dell’iniziativa chiunque può partecipare al progetto, disegnando un ritratto del musicista che verrà integrato nell’opera d’arte collettiva. Più di 250.000 persone da 172 paesi hanno partecipato con i loro disegni, ognuno corrispondente ad un frame del filmato dell’ultima canzone incisa da Cash prima della morte. Il progetto è in crescita ed in continua evoluzione, grazie appunto all’apporto continuo e collaborativo di tutti i fans

Questa voce è stata pubblicata in Musica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a The Johnny Cash Project

  1. Marisa scrive:

    Raf,

    ma lo sai che hai in comune anche questo con mio marito? Cash è uno dei suoi miti e la musica country è la sua preferita. Ha centinaia di CD (per mia grande disperazione perché ha invaso casa e garage 🙁 ) … Poi ha il mito dell’America (gli USA, ovviamente) e il suo sogno è andarci almeno una volta nella vita. Però ci andrà da solo: io non subisco il fascino degli States!

    Gli segnalerò questo post, così lo farò felice. 🙂

  2. Raffaele scrive:

    Marisa, mi fai ridere 😀 Io e tuo marito siamo molto simili. Anche per me esiste il mito dell’America ed anche mia moglie, come te, non subisce lo stesso fascino. Ma quando andrò in pensione, la mia valigia sarà pronta per una full immersion USA. E’ vero che ora è semplice andare in America ecc. ecc., ma secondo me anche tuo marito sogna un giorno di fare un coast to coast, route66, country music, affittando una bella Mustang e godendo in tutta tranquillità e serenità del compiersi del sogno….senza l’assillo del tempo, del lavoro, delle ferie, ecc. ecc. 😀 😀 Salutamelo, ciao

  3. Marisa scrive:

    «secondo me anche tuo marito sogna un giorno di fare un coast to coast, route66, country music, affittando una bella Mustang e godendo in tutta tranquillità e serenità del compiersi del sogno….»

    Ma come fai a saperlo?!? MAGO! 😀

    Te lo saluto, anzi te lo mando qua … così scopre che spettegolo un po’ su di lui. 🙁

    P.S. La pensione, però, è un po’ lontana. Rischiate di non avere più la forza necessaria. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *