Tutto ed il contrario di tutto

In questi giorni mi è ritornato alla mente un gioco che facevo da giovane con alcuni amici di università. Si partiva da un fatto, inequivocabile, evidente, incontrovertibile e da questo si sviluppava una dialettica atta a confutarlo. Cioè si giocava a difendere l’indifendibile, ad affermare il tutto ed il suo esatto contrario. Ed era molto spassoso. Gli studi di diritto certamente ci influenzavano, ma il divertimento era quando, di fronte a terze persone, si riusciva a far apprezzare ragionamenti e tesi inverosimili, a conquistare credito presso le persone che ci ascoltavano. In questo gioco eravamo molto bravi, ma poi era divertente quando tra di noi, dopo, ridevamo fino allo sfinimento, sorprendendoci sempre  di come potesse essere facile, condizionare con semplici ma articolati ragionamenti, il giudizio delle persone. Quello che però vedo in TV, da un pò di tempo a questa parte, non fa parte di un gioco, oppure forse lo è ma noi ne siamo spettatori inconsapevoli. Capita spesso di sentir giustificare dei comportamenti perché in realtà mancava l’intenzione o perché il fine, appunto, lo giustificava. Ma i limiti esistono ancora? E le differenze? La differenza tra giusto e sbagliato? Tra bene e male? Chi riesce ancora a capire chi ha ragione e chi ha torto?

Questa voce è stata pubblicata in Cultura e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Tutto ed il contrario di tutto

  1. loretta scrive:

    Chi come te è sensibile e usa di tanto in tanto il proprio cervello non può che porsi i quesiti da te posti…chi invece è pieno di certezze, continua a difendere l’indifendibile e questo non è il tuo gioco, purtroppo – anch’io mi sono domandata come sia possibile e pensavo che la convinzione di essere dalla parte giusta fosse la spinta energetica che porta alla difesa poi confrontandomi con altri blogger mi sono ricreduta oerché pare sia solo l’interesse economico a muovere questo intruglio di bene e male. Non so aggiungere altro, resta il fatto che è un esempio di comportamento che non condivido. ciao

  2. Raffaele scrive:

    Cara Loretta, credo tu abbia riassunto in modo perfetto l’essenza e la vera ragiorne di certi comportamenti. Ma quante persone sono veramente in grado di estrapolare la sostanza vera da un mare di chiacchiere e poi di ragionarvi sopra per capire? Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *