Una mazzetta non scontata (M.Gramellini)

Eddy Merckx – forse il più grande ciclista di tutti i tempi – è nei guai con la giustizia del suo Paese, il Belgio. Secondo l’accusa avrebbe vinto un appalto per la fornitura di 48 biciclette alla polizia di Anderlecht, grazie alla soffiata di un commissario, Philippe Boucar. Questo funzionario avido avrebbe svelato al Cannibale (soprannome di Merckx quando si abboffava di corse a tappe e classiche in linea) le offerte degli altri concorrenti in cambio di uno sconto su una bici da corsa in carbonio.

Raramente una storia di mazzette mi aveva tanto commosso. Per la natura di uno dei protagonisti, certo, una biglia di riferimento tra quelle che rotolavano nelle sabbie della mia infanzia. Ma soprattutto per il prezzo della corruzione: una bici scontata. Provate ad ambientare la stessa scena un po’ più a Sud, nella Roma delle mille cricche o nella Milano dei dieci consiglieri regionali indagati. Altro che sconto. Il funzionario corrotto avrebbe preteso, come minimo, la bici gratis. E non solo per sé, ma per moglie (con zainetto) e figli (con ruotine). Come quel dirigente di Parma che assegnò l’appalto per le fioriere comunali all’azienda disposta a rifare gratuitamente il prato dell’asilo nido gestito dalla sua signora. Che timidezza traspare invece dalla mazzetta belga, da quella tangente piena di pudore. Par di vederlo, il commissario Boucar, davanti al mito Merckx, mentre abbassa gli occhi e si tormenta il cappello con le mani: «Se non chiedo troppo, potrei avere… uno sconticino?». E adesso magari lo metteranno in galera. Quando si dice nascere nel posto sbagliato.

Questa voce è stata pubblicata in Giustizia, Informazione, Società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Una mazzetta non scontata (M.Gramellini)

  1. loretta scrive:

    quanto mi piace come scrive, stò uomo, m’attizza il cervello! ciao

  2. Raffaele scrive:

    @loretta
    🙂
    Ciao

  3. Gibran scrive:

    Ma non è la stessa cosa che stà succedendo in Italia?
    Ciao Raf.

  4. isabella scrive:

    Sì…. ehm…. succede anche qui… ma da noi mooooooooooolto di più, non siamo secondi a nessuno in questo!

    Ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *