Vabbuò

Nevica più del solito in Italia e si bloccano treni, strade e città? Vabbuò.
Gli ex operai di wagonlits protestano da due mesi sulla torre? Vabbuò.
I vertici della Margherita non si sono accorti che un loro compare gli ha fregato 13milioni di euro dal conto? Vabbuò.
Le lobby vicine aiparlamentari bloccano le liberalizzazioni (quelle poche che sono state fatte)? Vabbuò.
Monti è andato a Wall Street a convincere quei mercati (corresponsabili della crisi mondiale) sull’Italia. Ma ancora non ha convinto del tutto gli italiani sul futuro di questo paese. Vabbuò
Il processo Mills finirà in prescrizione (grazie ad una legge fatta dall’imputato) e non sapremo mai se B. è lui o uno a sua insaputa? Vabbuò.
L’Italia della corruzione, delle alte tasse e delle mafie è poco attraente agli investimenti stranieri? Vabbuò.
La BCE ha prestato all’1% 500 miliardi di euro alle banche che oggi non concedono mutui alle piccole imprese e alle famiglie (specie se non hai un monotono posto fisso). Perchè non li ha prestati direttamente alla Grecia? Vabbuò.
Uno studio di Confindustria sostiene che per la recessione perderemo altre migliaia di posti di lavoro? Vabbuò.
Almalaurea 2008, nel suo studio sui laureati, mostra che il 16% dei figli di dirigenti, dopo cinque anni dalla laurea è già dirigente, che i figli di professionisti spesso fanno la stessa professione del padre e che ogni anno 60000 laureati si spostano dal sud al nord (altro che mammoni)? Vabbuò.
Come ha detto ieri sera Gramellini, questo è un paese dove si è detto troppe volte vabbuò, come il capitano Schettino all’abbandono della nave da parte dei passeggeri.

Fonte: uno nessuno.blogspot.com

Questa voce è stata pubblicata in Società. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Vabbuò

  1. Semplice1 scrive:

    Pigliamocela in saccoccia per averlo detto troppe volte..vabbuò.
    Ciao 😉

  2. espress451 scrive:

    A volte basta la parola… E quella, sentita in quel contesto e da quel comandante, firma la deposizione dello stesso… Raccontando anche tanta italianità, ma fortunatamente non tutta.
    Un abbraccio, Ester.

  3. lucia scrive:

    Mi piace lasciare qui un pensiero di Erri de Luca:

    “Vabbuo’ è una parola tutta intera. Non è “va buo’” che perde tempo in mezzo e rinuncia al raddoppio filosofico della lettera b. Vabbuo’ è spesso l’accomodamento alla realtà, rinuncia a interferire con gli eventi. La donna che tu amavi ti ha lasciato? Vabbuo’. In seconda battuta, se uno proprio insiste a estorcere un commento, una reazione, si può aggiungere: E che ce pozzo fa’?”. Hai perso il lavoro? Vabbuo’. Come? Hai perso il lavoro e dici vabbuo’? Per forza, che vuoi farci, me ne cerco un altro. Qui il vabbuo’ non è solo rassegnato, ma insinua una speranza.

  4. loretta scrive:

    Spesso noi italiani sappiamo farci solo del male. Di fronte agli esempi da te ricordati , la tentazione di dire siamo tutti uguali, e sempre i soliti, è forte. Eppure… un rigurgito di orgoglio interiore mi fa sperare nella smentita – ciao

  5. Raffaele scrive:

    @ Vera, Ester e Loretta
    Purtroppo è proprio così, un modo sempliciotto e banale per esprimere il distacco dalle responsabilità. Vabbuò è una parola che secondo me esprime una superficialità ed un menefreghismo ingiustificabile. Da cancellare dal vocabolario e punire chi la pronuncia.
    @Lucia
    Grazie per il pensiero di Erri De Luca, è un grande e mi piace molto.
    Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *