Vivisezione, ma che razza di razza siamo?

E’ stata approvata nel mese di Settembre, la nuova direttiva europea sulla vivisezione, personalmente sono sgomento dal risultato, è provato scientificamente da anni che la vivisezione non serve assolutamente a nulla, è solo una tortura ed una crudeltà inumana a danno degli animali. La sperimentazione animale, oltre ad essere un abominio,  ha comportato grandi errori e ritardi nella scienza, ne sono una testimonianza le 225.000 morti all’anno negli USA per cause avverse ai farmaci, morti silenziose di cui nessuno parla o anche il dato allarmante che il 90% dei farmaci non supera poi le prove cliniche, con un ingente spreco di fondi e menti che lavorano per produrre dati inutilizzabili. Ecco in concreto cosa cambierà :

1.La cavia può essere vivisezionata di nuovo. La legge attuale stabilisce (art.10) che «un animale non può essere utilizzato più d’una volta in esperimenti»; la nuova direttiva prevede invece il riutilizzo in diversi casi, ad esempio se l’invasività delle procedure precedenti «era lieve o moderata».
2. Test anche da svegli (e senza antidolorifici). Pur prevedendo in generale l’uso dell’anestesia la nuova legge introduce deroghe anche per il trattamento degli antidolorifici, sempre che siano compatibili, dice «con la finalità della procedura».
3. Sperimentazione anche su cani e gatti randagi. La normativa attuale non parla di impiego di randagi mentre la nuova direttiva, vietandone l’uso, prevede deroghe nel caso in cui «è scientificamente provato che è impossibile raggiungere lo scopo della procedura se non utilizzando un animale selvatico o randagio».
4. Sono autorizzati interventi invasivi su animali per scopi didattici.
5. Ammesse procedure (di tortura) quali il nuoto forzato fino all’esaurimento o l’isolamento di cani o primati per lunghi periodi.

In conclusione, perchè noi uomini possiamo disporre delle vite degli altri animali solo esclusivamente per la nostra salute? Perchè siamo più intelligenti? …. ma se lo fossimo dovremmo capire subito che non è proprio la cosa più giusta. Quindi: gli studi sulle cellule staminali potrebbero aiutare, sempre che, a mio parere, non ci vadano di mezzo vite minimanente interessate.

Questa voce è stata pubblicata in Ambiente e Natura e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Vivisezione, ma che razza di razza siamo?

  1. marco scrive:

    Il parlamento europeo dimostra, ogni volta, di essere solo una congrega di burocrati.
    Poi ci si stupisce del poco europeismo..
    Se si riescono a fare solo leggi come questa…..

  2. Mara scrive:

    Verissimo, concordo con Marco, ma quando riusciremo ad essere governati da persone con il buosenso nella zucca e non solo guidati da interessi economici ? Ho apprezzato molto però gli interventi al proposito della ministra Brambilla e della sottosegretaria Martini.

  3. Gianluca Aiello scrive:

    Credo che in questa pagina della LAV si possano recuperare informazioni utili per capire cos’è la vivisezione in Italia. Spesso si pensa che certe cose accadono solo lontano da noi.
    http://www.lav.it/index.php?id=993

  4. Raffaele scrive:

    Grazie per il contributo prezioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *